Siria, Isis a Raqqa perde metà della Città Vecchia in un solo giorno

Siria Uav Droni Raqqa Saa Hezbollah Libano Qalamoun Deirezzor Sukhnah Palmyra Wrath Mehdi AlRefqa Sukhnah DeirEzzor Isis Isil Saa Damasco Daesh Stato Islamico–Shahada Hisham IS Raqqa Bared Rawdah SDF Wrath Usa

I miliziani Isis spiazzati non hanno retto al pressing nemico e sono fuggiti a ovest e a nord

Isis a Raqqa non riesce ad arrestare l’avanzata delle SDF. I combattenti siriani hanno conquistato in poche ore due quartieri nella Città Vecchia: Mahdi e al-Refqa. Grazie a ciò, il Daesh ha perso circa la metà del centro della roccaforte. La vittoria è il risultato di una massiccia operazione a sorpresa, lanciata nelle scorse ore nell’area. Le manovre hanno completamente spiazzato i jihadisti, che sono stati costretti ad arretrare e a fuggire verso ovest e verso il nord. Nella battaglia hanno perso la vita almeno 23 miliziani e i feriti sono decine. Intanto, haha ripreso intensamente l’offensiva ad al-Bared, Rawdah e Diriyah. La tattica delle SDF è colpire lo Stato Islamico duramente in una zona, per poi attaccare dal versante opposto. In questo modo gli estremisti non hanno la possibilità di inviare rinforzi nelle aree di scontro e le difese collassano, non riuscendo a contenere il nemico.

A sud di Raqqa, l’esercito siriano da Sukhnah punta a nord e a est verso Deir ez-Zor

A sud di Raqqa, invece, l’esercito siriano (SAA) continua ad attaccare Isis nella zona di Sukhnah. A proposito ha conquistato 6 nuovi punti strategici intorno alla città, in diverse zone. Il SAA sta agendo su 2 assi. Il primo, lungo la strada da Palmyra a Deir ez-Zor, punta a mettere in sicurezza l’infrastruttura. Ciò per dare il via al più presto all’offensiva contro la roccaforte nella provincia vicina. Il secondo, invece, è quello della Uqayrbat-Sukhnah Road. Qui i militari operano verso nord, nel quadrante meridionale di Raqqa. e in direzione ovest a Salamiyah. Si punta a togliere ai miliziani dello Stato Islamico la possibilità di inviare rinforzi esterni e a eliminare il rischio che i soldati di Damasco subiscano attacchi alle spalle da parte degli estremisti. Parallelamente li si vuole chiudere e isolare in una porzione di territorio, in cui sarà più facile accerchiarli ed eliminarli.