skip to Main Content

Siria, Isis a Raqqa è circondato da tutti e 4 i lati

Siria, Isis A Raqqa è Circondato Da Tutti E 4 I Lati

SDF avanzano contro Isis da sud, est e ovest

Isis a Raqqa è circondato su tutti e 4 i lati. Le SDF nelle scorse ore hanno conquistato Kasrat Faraj, Kasrat Sheikh Jum’a e la caserma di Tala’e, arrivando alla periferia meridionale della roccaforte Daesh. Inoltre si sono spinte più verso il centro, raggiungendo Firddous street e la Corniche. Di fatto, da oggi lo Stato Islamico non ha più alcuna via di fuga dalla città. Intanto nella Città Vecchia sono proseguiti i bombardamenti aerei sulle postazioni dei jihadisti. A Est, invece, i combattenti siriani continuano a spingere ad ar-Rawdah e hanno ripreso al-Batany, nonché al-Sinaa. Parte delle due aree per alcune ore erano ritornate nelle mani dei miliziani a seguito di un violento contrattacco. A nord la situazione rimane invariata. A ovest, infine, hanno attaccato a Bassel, vicino a Qadisiyyah. Qui è stato scoperto è smantellato un tunnel di Isil, che portava a 2 quartieri meridionali.

Che influenza avrà su Isis a Raqqa e Deir ez-Zor la distruzione della Grande Moschea a Mosul?

Sull’offensiva delle SDf a Raqqa, però, ora c’è un’incognita. Poche ore fa Isis ha fatto esplodere a Mosul la Grande Moschea al Nuri nella Città Vecchia. Questa era un simbolo molto importante per lo Stato Islamico, in quanto nel 2014 Abu Bakr al-Baghdadi vi dichiarò la nascita del Califfato in Iraq e Siria. La sua fine, infatti, avrà forti ripercussioni sui jihadisti del Daesh che ancora combattono nella città. Soprattutto sul versante psicologico. Resta da capire, perciò, quale sarà l’atteggiamento dei jihadisti a Raqqa e a Deir ez-Zor. Quelli già demoralizzati subiranno un ulteriore colpo. Qui le ipotesi sono 2. O tenteranno in qualche modo la fuga o combatteranno fino alla fine non avendo alternative. Gli irriducibili, invece, cercheranno vendetta a tutti i costi. Sia contro il nemico sia contro i civili.

A sud di Tabqa sembra essersi stabilizzato l’antagonismo armato tra SDF e SAA

La situazione sul versante del confronto armato SDF-esercito siriano (SAA) a sud di Tabqa, sembra essersi stabilizzata almeno temporaneamente. Dopo gli scontri del 17 giugno non ci sono stati più contatti tra le due forze. Inoltre, il SAA ha ripreso a combattere Isis nella zona di Rasafa. Il bilancio dell’ultima operazione dei militari di Damasco è stata la distruzione di almeno 9 carri armati del Daesh nella zona ovest della provincia di Raqqa.

 

Back To Top