skip to Main Content

Siria, Isis a Deir ez-Zor sotto attacco a Busayrah e Abu Kamal

Siria, Isis A Deir Ez-Zor Sotto Attacco A Busayrah E Abu Kamal

Cizire Storm neutralizza l’ultimo presidio Isis lungo il Khibur, attacca Busayrah e punta all’Iraq

Le SDF a Deir ez-Zor avanzano ancora contro Isis. Le forze dell’operazione Cizire Storm (Al Jazeera) hanno attaccato Daesh a Busayrah e neutralizzato l’ultimo presidio dello Stato Islamico lungo il fiume Khibur. Lo hanno fatto conquistando gli ultimi villaggi dell’area ancora in mano ai jihadisti: Al Khajah, Al Hujnah, Tayib Al Fal e Sukka. Parallelamente, ad Hamida, i combattenti siriani hanno scoperto un deposito di mine dei miliziani, nascosto in un edificio. Infine, sono arrivate a 17 chilometri dal confine con l’Iraq, eliminando le sacche di resistenza Isil lungo il tragitto. Una volta raggiunta la frontiera, avranno tagliato in due i territori controllati dai terroristi, isolandoli. Da una parte ci sarà quello a sud, verso Abu Kamal e a ovest in direzione di Homs. Dall’altra, la Middle Euphrates Valley (MERV).

L’esercito siriano spinge verso Abu Kamal da ovest per poi risalire verso Deir ez-Zor

A sud di Deir ez-Zor, il contingente dell’esercito siriano (SAA) e le forze alleate sono arrivate al confine iracheno e a meno di 30 chilometri da Isis ad Abu Kamal. La città nel frattempo viene bombardata costantemente dai caccia di Damasco e da quelli russi per indebolire le difese del Daesh in previsione dell’imminente offensiva. Anche in questo caso si punta a tagliare i gruppi dello Stato Islamico in due, separandoli e isolandoli. Una volta presa la roccaforte, le unità del SAA potranno proseguire verso nord lungo l’Eufrate ed eliminare le ultime zone sotto controllo dei miliziani. E cioè Ash Sha ‘fah, Hajin, Khara’ij, Abu Hammam, Al Asharah e Al Qurayya, risalendo verso Deir ez-Zor.

A sorpresa riappare il redivivo al Baghdadi. I media: dopo la caduta di Qaim in Iraq, è fuggito in Siria su un taxi giallo

Intanto, a sorpresa si ritorna a parlare di Abu Bakr al-Baghdadi. Secondo la Iraqi Media News Agency il Califfo Isis è ancora vivo e vegeto e viveva nascosto a Rawa. Dopo l’invasione di Qaim ha ordinato ai miliziani Daesh di combattere nonostante la città fosse persa. Questi, però, lo hanno abbandonato e sono fuggiti. A quel punto al Baghdadi ha preso un taxi giallo e lui stesso è scappato in Siria, da qualche parte nella provincia di Deir ez-Zor. L’ipotesi più probabile è che si trovi ad Abu Kamal (Al Bukamal). La sua presunta ricomparsa, comunque, desta molti interrogativi. La Russia si è detta pressoché certa di averlo ucciso a Raqqa tempo fa. Il Pentagono, invece, ritiene che possa essere ancora vivo, avendo confermato come sua la voce in una registrazione audio recente. Di fatto, il Califfo continua a essere un fantasma e non c’è certezza sulla sua sorte.

Back To Top