skip to Main Content

Siria, Damasco minaccia la Turchia sul preannunciato attacco al Kurdistan

Siria, Damasco Minaccia La Turchia Sul Preannunciato Attacco Al Kurdistan

La Siria reagisce alle minacce della Turchia al Kurdistan: Se tenterà un’incursione non sarà un picnic

La situazione della Turchia, rispetto a un preannunciato attacco nel Kurdistan siriano, si complica. Damasco ha avvertito Ankara che le sue difese aeree abbatteranno qualsiasi jet del paese che provi a effettuare raid sulla regione. Lo ha annunciato il vice ministro degli Esteri, Faysal Mekdad, affermando che una eventuale incursione nel territorio nazionale a maggioranza curda “non sarà un picnic” per la Turchia. Non solo. Ogni operazione di questo tipo sarà considerato “un atto di aggressione”. Il ministro non parla a vuoto. Anzi. Il paese mediorientale, infatti, dispone di micidiali sistemi di difesa anti-aerea. Dalle batterie di S-400 Triumph ai Thor M1. Entrambi forniti dalla Russia. Questi sono schierati ufficialmente presso la base aerea di Humaymim nel governatorato di Latakia e nella zona di Masyaf, in quello di Hama. Sono, però, trasportabili facilmente anche altrove e Damasco dovesse impiegarli, per i caccia di Ankara non ci sarebbe speranza.

La reazione di Damasco ha spiazzato Ankara, che però non desiste

L’annuncio ha spiazzato la Turchia, in quanto si aspettava che Damasco supportasse l’azione anti-curda. Il governo siriano, però, – presumibilmente dopo aver parlato con la Russia – ha deciso di preservare l’integrità territoriale nazionale, Kurdistan compreso. Pur criticando duramente la nuova forza di controllo dei confini che gli Usa stanno creando con le SDF. Ankara, invece, non si arrende. Da una parte esorta Mosca a non opporsi alla possibile operazione ad Afrin e fa sapere che si coordinerà con la Federazione a proposito. Dall’altra con l’artiglieria sta bombardando postazioni SDF/YPG a est di Jarablus, ad Ayn Dadat e a Zormexar, a oriente di Kobane. Inoltre, ha ordinato alle sue truppe alla frontiera cin la Siria di incrementare le misure di sicurezza, portandole al livello più elevato.

photo credit: Wikipedia

Back To Top