skip to Main Content

Siria, Damasco in difficoltà contro Daesh a Deir Ezzor e Ghouta

Siria, Damasco In Difficoltà Contro Daesh A Deir Ezzor E Ghouta

Daesh spinge a ovest di Deir Ezzor contro l’esercito siriano (SAA) per riprendere Mayadeen. Inoltre, a Ghouta, controlla Al-Yarmouk da cui lancia razzi su Damasco

Daesh in Siria continua gli attacchi contro l’esercito di Damasco (SAA) a Deir Ezzor. cercando di conquistare Mayadeen. Nelle scorse ore, i miliziani Isis hanno lanciato un’imboscata contro unità del SAA nella zona, causando perdite e danni ai militari. Inoltre, i soldati non riescono a cacciare lo Stato Islamico da Abu Kamal (Al Bukamal), tanto che il gruppo si rinforza arrivando a dettare nuovamente legge in alcune zone. La conferma viene dai numerosi arresti di civili nel quadrante, operati dai jihadisti. Questi avrebbero ricostituito nella zona alcune squadre di controllo, che vanno alla ricerca di collaborazionisti, presunte spie e trasgressori delle regole imposte. La città al confine con l’Iraq non è stata mai conquistata del tutto dalle forze regolari, distratte dall’operazione a Ghouta. Peraltro, nemmeno risolta. IS, nonostante l’imponente di spiegamento di mezzi e forze, ancora controlla il campo profughi di al-Yarmouk, da cui quasi quotidianamente piovono razzi sulla capitale.

Il ritorno delle SDF a Deir Ezzor ha obbligato lo Stato Islamico a fuggire a ovest dell’Eufrate e ad attaccare il nemico più debole: il SAA. Obiettivo, ricreare la Wilayat al-Khayr

Damasco ha deciso di posporre la conquista definitiva dell’area sud e sud ovest (il deserto Hamad) di Deir Ezzor nei prossimi mesi. Lasciando nel quadrante presidi militari fissi. Questi, però, vengono attaccati periodicamente dal Daesh e non ricevono rinforzi dalle autorità centrali siriane. Di conseguenza, non riescono ad avanzare, ma possono solo mantenere attive le linee di difesa contro lo Stato Islamico. Prese di mira più assiduamente, peraltro, a seguito del ritorno delle SDF nella regione. Le forze a guida curda, infatti, hanno riavviato l’offensiva contro Isis nella provincia, congelata per andare a difendere Afrin dalle forze turche e i loro alleati di Olive Branch. Conclusa la campagna, però, è stato aumentato nuovamente il pressing su IS soprattutto ad Hajin, Dashisha e Shaddadi. Di conseguenza, i jihadisti hanno oltrepassato l’Eufrate, concentrandosi ad ovest contro un nemico più debole per cercare di ricreare la Wilayat al-Khayr.

La notizia sul riavvio della campagna delle SDF contro lo Stato Islamico a Deir Ezzor

Lo spostamento di Isis a ovest dell’Eufrate dopo il ritorno nella provincia delle forze a guida curda

 

Back To Top