skip to Main Content

Siria, continua la guerra tra le SDF e Isis lungo l’Eufrate

Siria, Continua La Guerra Tra Le SDF E Isis Lungo L’Eufrate

Continua la guerra tra le SDF e Isis lungo l’Eufrate, da Deir Ezzor a Raqqa. Jazeera Storm smantella altre cellule dello Stato Islamico e i jihadisti rispondono con bombe e IED

Continua la guerra tra le SDF e Isis nell’Est della Siria lungo l’Eufrate. Jazeera Storm ha lanciato una massiccia operazione presso il villaggio di Al Zawr, per bloccare una cellula dello Stato Islamico che si era infiltrata a Deir Ezzor. Le forze arabo-curde hanno effettuato un altro blitz a est di Raqqa, catturando un intero gruppo di miliziani. La risposta di Daesh sono stati alcuni attacchi dinamitardi nella regione, che hanno causato morti e feriti sia tra i nemici sia tra la popolazione. I jihadisti in alcuni casi hanno fatto esplodere IED, come a Saada (sud di Hasakah), Hawaij e presso il villaggio di Hamrat Buwaytiyah. In altri hanno usato auto-bombe o granate (Al-Kassrat a sud di Raqqa). L’aumento degli attacchi, però, conferma che le SDF hanno colpito i terroristi nel vivo con le ultime operazioni e che questi si sentono fortemente minacciati.

Daesh continua a prendere di mira l’esercito siriano (SAA) a ovest di Deir Ezzor. Nell’area di Mayadeen è in corso una sorta di offensiva dei miliziani contro i soldati di Damasco

Isis, intanto, continua a prendere di mira l’esercito siriano (SAA) a ovest di Deir Ezzor. Negli ultimi giorni il SAA ha subito numerosi attacchi dello Stato Islamico nell’area di Mayadeen. L’obiettivo dei miliziani è aprire nuove rotte verso Est, attraverso l’Eufrate, per arrivare a Shahil o Busayrah. E’ qui, infatti, che le SDF effettuano continue operazioni a seguito di grandi concentrazioni di jihadiste, i quali vi confluiscono periodicamente da ovest. Daesh deve trovare velocemente una via di fuga dal deserto di Badia al-Sham, in quanto il gruppo ormai è isolato e minacciato, e l’unica ancora parzialmente attiva è quella a oriente che punta verso l’Iraq. Di conseguenza, i terroristi hanno lanciato una sorta di offensiva con la speranza di aprire un corridoio sicuro.

Back To Top