Siria, aumenta la pressione su Isis a Raqqa. L’offensiva è imminente

Siria Raqqa Leaflet Isis Isil Daesh Stato Islamico Tabqa Deir Ez Zor Sdf Coalizione

Isis subisce attacchi aerei in tutta Raqqa e si chiede ai civili di fuggire

Aumenta la pressione su Isis a Raqqa con l’avvicinarsi dell’offensiva SDF. Nelle scorse ore ci sono stati 15 bombardamenti della Coalizione su aree della roccaforte Daesh. In particolare l’edificio del sindacato degli ingegneri, l’hotel Karnak, il palazzo del governatore, Security Square, la casa del capo della polizia, le scuole Al-Rashid e Moa’wiya, nonché la zona di Al Fern. L’obiettivo erano assetti strategici dello Stato Islamico. Dai magazzini di armi alle fabbriche di ordigni, passando per i depositi delle auto-bomba (VBIED). In tutto, tra le altre cose, sono stati distrutte 8 unità tattiche dei miliziani, 6 postazioni, 3 centri di comando e controllo. Inoltre c’è stato un lancio aereo di leaflet, diretti alla popolazione della città. Nel messaggio si chiede loro di lasciare la zona al più presto possibile. Parallelamente, le SDF stanno continuando a combattere a nord e a est, guadagnando terreno presso l’ex base della 17esima divisione.

A ovest SDF combattono a Hindah e a est a Raqqat as Samra

Le due azioni della Coalizione internazionale anti-Isis sono il segno che l’offensiva a Raqqa comincerà molto presto. È stato così anche in Iraq. A Mosul ovest due giorni fa ci sono stati prima raid aerei e poi lanci di volantini, in cui si chiedeva ai civili di fuggire. Poi, circa 24 ore dopo, è cominciata l’invasione di terra della Città Vecchia. Difficilmente i tempi saranno così brevi in Siria, ma sicuramente nelle ultime ore c’è stata un’accelerazione delle manovre delle SDF. A ovest della roccaforte, vicino Tabqa, i combattenti locali hanno conquistato per alcune ore Hindah. I miliziani Daesh, però, sono riusciti a riprenderla e al momento sono in corso duri scontri tra le parti. A est, invece, è battaglia presso Raqqat as Samra. Cacciare lo Stato Islamico dal centro abitato permetterà alle SDF di arrivare alla periferia orientale di Raqqa.