skip to Main Content

Siria, assalto finale a Isis a Raqqa. Oltre 100 miliziani si arrendono

Siria, Assalto Finale A Isis A Raqqa. Oltre 100 Miliziani Si Arrendono

Le SDF ricevono rinforzi e mezzi per velocizzare l’offensiva contro Isis. Si parla di un accordo, ma la priorità sono i civili

È cominciato a Raqqa l’assalto finale delle SDF contro Isis. I combattenti siriani hanno ricevuto nelle scorse ore nuovi rinforzi e mezzi pesanti, arrivati da Kobane, Manbij e Ain Issa con i quali hanno stretto l’assedio sui jihadisti. In particolare si combatte presso il Black Stadium e l’ospedale nazionale, in cui Daesh tiene prigionieri numerosi abitanti locali, usati come scudi umani. Solo ieri sono stati uccisi 22 miliziani e feriti molti altri. Ciò a fronte della morte di due membri delle SDF. Alcune fonti hanno reso noto che la ex roccaforte potrebbe cadere entro la settimana, ma non c’è certezza a seguito della necessità di proteggere i civili. Si vocifera anche di un accordo tra le forze a guida curda e rimanenti membri dello Stato Islamico, che permetterebbe a questi di lasciare la città. Non ci sono, però, conferme ufficiali. E in passato ipotesi di questo tipo sono state smentite.

Oltre 100 miliziani Isis si arrendono alle SDF, sono molti foreign fighters che non hanno scelta

Intanto, a Raqqa, sempre più membri Isis hanno deciso di arrendersi alle SDF. Solo ieri sono stati più di 100, a cui in queste ore se ne stanno aggiungendo altri. Daesh ormai controlla solo il 2% circa della ex roccaforte e non ha via di uscita. Anzi, continua a perdere terreno e l’arrivo dei rinforzi ai combattenti curdi velocizzerà la sconfitta. Alcuni miliziani tentano la fuga, ma altri preferiscono passare dalla bandiera nera a quella bianca. Sono soprattutto foreign fighters, che non saprebbero dove andare, in quanto non conoscono la zona. I jihadisti locali, invece, cercano di trovare rifugio nelle poche zone ancora sotto il controllo dello Stato Islamico, in particolare a Deir ez-Zor e nella Middle Euphrates Valley. Qui, appena Raqqa sarà stata liberata definitivamente, avverrà la battaglia finale contro Isil. Sia sul versante siriano sia su quello iracheno.

 

Back To Top