skip to Main Content

Siria, anche le SDF dichiarano guerra a Isis a Deir ez-Zor

Siria, Anche Le SDF Dichiarano Guerra A Isis A Deir Ez-Zor

Le SDF invadono Deir ez-Zor per cacciare Isis. Non si sa, però, quanto in profondità si spingerà l’offensiva

Anche le SDF dichiarano guerra a Isis a Deir ez-Zor. I vertici dei combattenti siriani hanno annunciato l’inizio dell’operazione Cizire Storm. L’obiettivo è cacciare Daesh e conquistare tutta la zona nord della provincia. Si punta ad arrivare fino al confine con l’Iraq, anche se non è stato precisato quanto a fondo si spingeranno le forze all’interno del governatorato. Le manovre sono partite immediatamente e stanno già dando i loro frutti. In poche ore le truppe hanno assunto il controllo dei villaggi di Hujayf az Zarrab, Tal Aljehev, Jabal az-Zirab e Bir Dumayni. Inoltre, nella zona hanno arrestato un giornalista che si ritiene stesse spiando per conto dello Stato Islamico. Intanto, a Raqqa si continua a combattere ad Al-Amin, Thakanah e Mansour. Dalla scorsa notte si registrano violenti scontri tra le forze a guida curda e i miliziani.

A Deir ez-Zor Isis controlla solo 1000 metri tra l’aeroporto e il cimitero. Intanto si allarga il corridoio SAA a ovest

Nel frattempo, a Deir ez-Zor l’esercito siriano (SAA) è a un passo dal rompere l’assedio Isis anche sull’aeroporto. Mancano circa 1000 metri a collegare l’area dello scalo con quella in città già conquistata dai militari. A Daesh, infatti, rimane solo un piccolo scampolo di territorio tra il cimitero e la base area, al momento sotto pesante attacco. Peraltro, sono arrivati in zona anche dei ponti mobili, inviati dalla Russia. Questi, insieme ai barchini, serviranno per attraversare l’Eufrate e lanciare l’offensiva contro lo Stato Islamico nel quadrante est della città. Parallelamente, proseguono le manovre per allargare il corridoio a ovest. I soldati hanno preso Sholah e poco fa anche il campo petrolifero di Thayyem. Il SAA continua ad avanzare e sta puntando ad arrivare all’aeroporto dalla sponda sud. Ciò per chiudere anche in una morsa gli ultimi miliziani presenti sull’autostrada per Palmyra.

Back To Top