Siria, al via offensiva finale SDF anti-Isis a Raqqa

Raqqa Isis Sdf Saa Merv Cizirestorm Aljazeera Tigerforces Irsq Abukamal Albukamal Deirezzor Khibur Mayadeen Assuwar

SDF: Isis sarà cacciato definitivamente da Raqqa entro alcuni giorni

E’ cominciata oggi l’offensiva finale delle SDF contro Isis a Raqqa. Lo hanno annunciato i vertici dei combattenti siriani, confermando che la ex roccaforte sarà liberata dal Daesh entro alcuni giorni. La nuova ondata di manovre ha preso il via grazie ai maxi aiuti militari arrivati alle truppe dagli Usa. Si tratta del più grande pacchetto inviato finora, tanto che sono stati necessari due convogli per consegnarlo. Nel frattempo, le forze a guida curda hanno salvato oltre 70 civili, tenuti in ostaggio dai jihadisti e ucciso 6 miliziani. Al momento le battaglie più intense in città si registrano ad al-Nahda, al-Hurriyah (Azadî) e al-Bared. Scontri si registrano anche ad al-Hurriyah. Inoltre, nel corso dell’invasione sono state sequestrate numerose armi e munizioni appartenenti a Isil. Questi si sono dati alla fuga e hanno cercato rifugio nella zona centro nord del centro abitato.

Deir ez-Zor, Cizire Storm avanza sui 3 assi, mentre sfama gli sfollati. L’esercito siriano spinge a Mayadeen

A Deir ez-Zor, a sud di Raqqa, le SDF dell’operazione Cizire Storm continuano ad avanzare sui 3 assi contro Isis. Nelle ultime ore i combattenti siriani hanno cacciato Daesh da As Sawa e si dirigono verso l’area industriale dell’ex roccaforte. Inoltre, hanno liberato 17 tra centri abitati e villaggi dallo Stato Islamico. A Mercada hanno assunto il controllo di altri 2 chilometri e a Jazrat hanno guadagnato ulteriore terreno. Parallelamente alle manovre contro i miliziani, le truppe hanno distribuito aiuto agli sfollati della provincia. Secondo gli ultimi dati, questi sono circa 10.000 e aspettano l’intervento delle organizzazioni umanitarie internazionali. Anche l’esercito siriano (SAA) fa progressi contro Isil. A Mayadeen i militari hanno preso il castello e si apprestano a invadere la città. Intanto l’aeronautica di Damasco mantiene elevato il pressing sui jihadisti con bombardamenti su base quotidiana nella zona.