Siria, al Baghdadi è ad Abu Kamal? Operazione per stanare il leader Isis

Al Baghdadi Audiomessaggio Andrewbrunsum Deirezzor Hajin Badia Usa Turchia Iraq Siria Abukamal Albukamal Deirezzor Qaim Iraq Anbar Sdf Saa Hezbollah Cizirestorm Aljazeera Comitato Negoziati Middle Euphrate Valley Isis Daesh Stato Islamico Isil Iraq Siria Mosul Raqqa

Al-Baghdadi potrebbe essere realmente ancora nascosto ad Abu Kamal (Al Bukamal). Isis fa di tutto per proteggere un quartiere

Il leader Isis, Abu Bakr al-Baghdadi, potrebbe davvero nascondersi ad Abu Kamal (Al Bukamal), la città meridionale della provincia di Deir ez-Zor al confine con l’Iraq. Nel centro abitato è in corso un’operazione, sembra per stanarlo. Vi partecipano l’esercito siriano (SAA), unità di Hezbollah e delle forze speciali russe. Al momento non ci sono conferme ufficiali, ma è certo che qualcosa di insolito sta accadendo. In una zona del centro abitato, conquistato dal SAA nei giorni scorsi e ancora non del tutto bonificato dal daesh, le truppe miste stanno incontrando una strana e intensa resistenza. A quel punto, sono stati coinvolti gli assetti specialistici, in quanto si ritiene che lo Stato Islamico possa proteggere qualcuno di elevatissimo profilo. Proprio, forse, il Califfo. Tanto che i miliziani hanno lanciato una massiccia offensiva a sorpresa, riprendendo alcuni quartieri.

Sembra che il Califfo fosse fuggito in taxi da Qaim in Iraq a Deir ez-Zor in Siria, presumibilmente ad Abu Kamal

Nei giorni scorsi, peraltro, si era diffusa la notizia che al-Baghdadi fosse nascosto a Qaim. Il Califfo, però, a seguito dell’avvicinarsi dell’offensiva irachena anti-isis era fuggito in Siria, da qualche parte a Deir ez-Zor, a bordo di un taxi giallo per non destare sospetti. E in molti sospettavano che la sua destinazione fosse proprio Abu Kamal, ancora (allora) sotto il controllo del Daesh. Poi l’esercito di Damasco e i suoi alleati hanno invaso e conquistato la città e da quel momento non si è saputo più nulla di lui. Era circolato anche il fatto che i miliziani dello Stato Islamico erano fuggiti verso nord ed est, a seguito del fatto che il centro è stato preso in poche ore. Questi, invece, si sono solo allontanati pur mantenendo elevata la protezione di piccole zone. Infine, quando hanno visto che il nemico le minacciava, sono intervenuti contrattaccando in massa,

Intanto, prosegue l’offensiva SDF a Busayrah: Cizire Storm vuole togliere a Isis l’ultima città sul fiume Khibur

Intanto Isis a Deir ez-Zor ha quasi perso Busayrah, la sua ultima roccaforte sul fiume Kibur. Le SDF dell’operazione Cizire Storm (Al Jazeera) avanzano da nord e sono quasi giunte al centro della città. Al momento si combatte a Baghdadi e ai margini settentrionali del centro abitato. L’altro asse dei combattenti siriani, invece, dopo aver eliminato Daesh da tutta la zona di Marqadah, la stanno bonificando dalle mine. Inoltre, spingono in direzione di Hurayshiyah, che dovrebbero raggiungere in giornata. L’obiettivo è stringere il cerchio sullo Stato Islamico, chiudendo i jihadisti nella Middle Euphrates Valley (MERV) e togliendo loro progressivamente terreno.