skip to Main Content

Il premier del Giappone vola in Estonia per una cyber missione

Il Premier Del Giappone Vola In Estonia Per Una Cyber Missione

Abe chiede all’Estonia aiuto per incrementare le capacità di cyber defence del Giappone

Missione cyber per il primo ministro del Giappone, Shinzo Abe, in Estonia. Il premier è arrivato venerdì a Tallinn in viaggio di lavoro focalizzato su sicurezza informatica e tematiche legate alla Information technology (IT). Tokyo nutre preoccupazione crescente per le cyber minacce che il paese è costretto ad affrontare, sia a opera del cybercrime sia di attori a livello nazioni come la Corea del Nord e la Cina. A proposito ritiene che le sue difese cibernetiche siano insufficienti a gestire i pericoli provenienti dalla rete e di conseguenza si è rivolto alla nazione baltica. Questa, infatti, è diventata una delle più tecnologiche a livello europeo, dopo aver subito un maxi attacco hacker nel 2007. Il viaggio rientra in un tour che lo porterà anche in Lettonia, Lituania, Bulgaria, Serbia e Romania nei prossimi giorni. Tutti paesi che vedono la visita di un capo di stato giapponese per la prima volta.

Tokyo entrerà a far parte del Cooperative Cyber Defence Centre of Excellence NATO

Il primo ministro del Giappone a Tallinn ha incontrato il suo omologo Juri Ratas, con il quale ha avuto un colloquio ad ampio raggio. I temi vanno dalle minacce poste dal programma nucleare della Corea del Nord a quelle cyber. Sul primo versante, Abe ha esortato la comunità internazionale a massimizzare il pressing su Pyongyang, affinché desista dai suoi intenti. Sul secondo, invece, ha chiesto aiuto all’Estonia per migliorare le difese informatiche. Inoltre, ha annunciato che Tokyo si unirà al Cooperative Cyber Defence Centre of Excellence (CCDCOE) della NATO per incrementare le sue capacità nell’affrontare le minacce provenienti dal cyberspazio. La forma sarà “Contributing Participant”, quella prevista per le nazioni non appartenenti all’Alleanza Atlantica. Attualmente fanno parte della struttura 20 paesi, che forniscono “uno sguardo a 360° sula cyber difesa con expertise nelle aree della tecnologia, strategia, operazioni e leggi”, si legge sul sito del CCDCOE.

 

Il comunicato del CCDCOE sull’annuncio del premier Shinzo Abe

Back To Top