skip to Main Content

Mozambico, gli attacchi di ISCAP si spostano verso il centro

A gennaio 2022 aumentano gli attacchi ISCAP a Cabo Delgado. Il SADC si riunisce per una strategia di contrasto

In Mozambico tornano gli attacchi dei jihadisti pro-ISIS a Cabo Delgado. In particolare, a Macomia e Meluco, dove un commando armato ha assaltato alcuni villaggi bruciando le case e depredando le risorse disponibili. I raid sono gli ultimi di una lunga serie, che si è intensificata dall’inizio del 2022. Aggressioni simili, infatti, sono avvenute anche il 2, il 4 e il 5 gennaio. Questo rinnovato trend crescente comincia a preoccupare Maputo e i paesi limitrofi (soprattutto la Tanzania). Non a caso, la rinnovata minaccia di ISCAP sarà al centro del prossimo summit della Comunità per lo sviluppo dell’Africa australe (SADC), originariamente previsto il 7 gennaio e che poi è stato spostato alo 12 dello stesso mese. Intanto, è stato siglato un accordo tra Mozambico e Rwanda per espandere la cooperazione militare nella lotta ai fondamentalisti a Cabo Delgado.

I jihadisti pro-ISIS, dai movimenti laterali lungo il confine con la Tanzania, si addentrano nel paese con sempre più violenza

I jihadisti di ISCAP si sono tornato a riaffacciarsi nel nord del Mozambico, dopo l’offensiva del Rwanda a Cabo Delgado che li ha costretti a disperdersi, lo scorso dicembre con alcuni attacchi al confine con la Tanzania. In un episodio, peraltro, erano state decapitate quattro e dato alle fiamme un villaggio cristiano. Secondo fonti d’intelligence, i terroristi pro-ISIS erano fuggiti in Tanzania dopo l’offensiva delle truppe di Kigali. Ora, dopo essersi riorganizzati, sono rientrati in Mozambico e cercano nuovamente di estendere la loro influenza nel nord del paese africano. Finora si erano mossi all’interno parallelamente alle frontiere, ma negli ultimi giorni hanno cominciato a scendere verso l’interno e si teme che possano tentare nuovamente di puntare su Mocimboa da Praia, riconquistata dalle forze regolari solo ad agosto del 2021, dopo che la città e il porto sono state controllate dai fondamentalisti per un intero anno.

Back To Top