skip to Main Content

Lunedì primo incontro operativo Russia, Iran e Turchia sulla Siria

Lunedì Primo Incontro Operativo Russia, Iran E Turchia Sulla Siria

I tre paesi si vedranno ad Astana, mentre l’opposizione siriana volerà ad Ankara

Russia, Iran e Turchia avranno il loro primo incontro operativo congiunto sulla Siria lunedì ad Astana. I tre paesi dialogheranno su due temi. Il primo è come stabilire un meccanismo di monitoraggio efficace del cessate il fuoco nella nazione. Il secondo, invece, è come separare l’opposizione moderata dagli estremisti di Jabhat Fateh al-Sham, già noto come Fronte al-Nusra. Lo stesso giorno l’opposizione sarà ad Ankara per parlare con i funzionari turchi in previsione dei prossimi colloqui, che dovrebbero cominciare nella capitale kazaka mercoledì. Al momento, comunque, non ci sono conferme ufficiali sulla data esatta. Di certo si sa, però, che agli incontri di lunedì parteciperà anche l’inviato speciale delle Nazioni Unite per la Siria, Staffa de Mistura. Il suo intervento è stato richiesto dalle parti per l’organizzazione dell’incontro tecnico.

Isolare l’ex Fronte al-Nusra è decisivo se su vuol mantenere intatta la tregua

Il meeting Russia, Iran e Turchia si concentrerà in particolare su quali misure implementare per garantire la tenuta della tregua e prevenire violazioni. Inoltre, sarà dedicato a come costruire una reciproca fiducia tra il governo della Siria e le opposizioni. In questi due contesti, ha un ruolo di primo piano la separazione dell’ex Fronte al-Nusra dalle altre formazioni. L’esigenza è considerata prioritaria da tutti i paesi che garantiscono la tenuta della tregua nella nazione mediorientale. Inoltre, si discuterà su come costruire una reciproca fiducia tra il governo della Siria e le opposizioni. Infine, ci sarà spazio per affrontare le questioni umanitarie. Il protrarsi e l’acuirsi del conflitto nel paese, infatti, ha generato un’emergenza su questo versante che desta grande preoccupazione nella comunità internazionale.

Querelle de Mistura-opposizione sulla lista dei delegati per i prossimi colloqui a Ginevra

Rimane invariata per il momento anche la data per i prossimi colloqui intra-siriani a Ginevra. Questi si terranno il 20 febbraio. Non è chiaro, invece, quali gruppi dell’opposizione vi parteciperanno. In molti, infatti, si oppongono alla presenza in chiave inclusiva del principale partito curdo, il PYD. Questo ha ricevuto assicurazioni internazionali che sarebbe stato invitato. De Mistura a proposito ha affermato che se l’opposizione non presenterà una delegazione ufficiale, sarà l’Onu a stilare la lista dei delegati. E lo farà cercando di rendere il gruppo più inclusivo possibile. L’annuncio ha causato proteste ed è stato definito inaccettabile dai diretti interessati, che hanno ribattuto chiedendo se l’inviato delle Nazioni Unite abbia lo stesso potere anche nei riguardi della delegazione del regime siriano. A proposito hanno fatto anche sapere che se e quando sarà il momento saranno loro a comunicare i nomi dei delegati.

Back To Top