skip to Main Content

Lo US Cyber Command è stato elevato a Comando di combattimento unificato

Lo US Cyber Command è Stato Elevato A Comando Di Combattimento Unificato

Lo US CYBERCOM conquista l’autonomia operativa cercata da tempo

Alla fine il Cyber Command Usa (US CYBERCOM) è stato elevato a Comando di combattimento unificato. Una delle dieci strutture militari che possono effettuare missioni all’estero. Lo ha deciso il presidente americano Donald Trump, su indicazione del segretario alla Difesa James “mad dog” Mattis. La proposta di passare da comando sotto-unificato a un livello superiore era stata presentata da alcun senatori al Congresso, affinché fosse riconosciuto che “il cyberspazio è di fatto il campo di battaglia del 21esimo secolo”. Di conseguenza è necessario che ci sia un comando che possa rispondere direttamente alle minacce organizzando sia la difesa sia possibili offensive. Fino a questo momento, invece, la struttura doveva necessariamente molto spesso appoggiarsi ad altre. Ciò a seconda del tipo di azione che intendeva effettuare. Soprattutto se al di fuori degli Stati Uniti. Inoltre, la struttura era guidata  dal direttore della National Security Agency (NSA) che aveva un doppio cappello.

L’idea di “promuovere” lo US Cyber Command non è nuova. Ma Obama si opponeva fermamente

L’idea di “promuovere” il Cyber Command, però, alla precedente amministrazione Usa non piaceva. In particolare non era stata apprezzata quella che veniva definita come un’ingerenza del Congresso nei confronti della gestione del dipartimento alla Difesa. Ciò, nonostante fossero in crescita le minacce provenienti dal cyberspazio. Tanto che il presidente Barack Obama aveva minacciato di porre il veto alla legge. A questo proposito, l’allora segretario alla Difesa Ashton Carter aveva ipotizzato una soluzione alternativa: collocare la cyberwarfare nella struttura di comando del Pentagono. Alle sue parole, però, non sono poi seguiti i fatti. Il piano di elevare la struttura, invece, è stato inserito nella legge di finanziamento del comparto Difesa: Il National Defence Authorization Act for Fiscal Year 2017 (NDAA).

La promozione del CYBERCOM conferma che per gli Usa il dominio del cyberspazio è prioritario

Dal Pentagtono hanno fatto sapere che la decisione di Trump di elevare lo US Cyber Command allo status di comando di combattimento unificato ha un significato ben preciso. E cioè segnala la crescente importanza delle operazioni nel cyberspazio per la sicurezza nazionale degli Usa. Inoltre, hanno sottolineato che questa scelta non ha nulla a che vedere con i cyber attacchi russi in occasione delle presidenziali del 2016. Di fatto, però, Trump è riuscito in questo caso a ottenere un doppio risultato. Innanzitutto ha razionalizzato la gestione della cybersecurity difensiva e aggressiva degli Stati Uniti. Inoltre, ha fatto un “dispetto” a Obama.

La dichiarazione ufficiale del presidente Usa, Donald Trump, in cui spiega perché ha promosso lo US Cyber Command

Back To Top