L’Italia e la Folgore protagonisti “Airborne” dell’esercitazione Saber Strike 2018

Saberstrike Italia Israele Folgore Airborne Esploratori Difesa Esercitazione Militariitaliani Esercitoitaliano Italia Usa

Con Saber Strike 2018 per la prima volta assegnati all’Italia e agli Esploratori dell’186 compiti di Long Range Surveillance, per la sicurezza dell’immissione in teatro delle forze. La Folgore acquisisce nuove capacità nella Airborne Community

I paracadutisti della Folgore sono i protagonisti dell’esercitazione multinazionale Saber Strike 2018. Le manovre (5-14 giugno) vedono per la prima volta impegnate unità operative della brigata (gli Esploratori del 186° Reggimento), a supporto dell’82esima Divisione aviotrasportata Usa come Long Range Surveillance. Obiettivo: garantire la sicurezza di tutto l’iter addestrativo. Si tratta di uno dei compiti maggiormente delicati di tutta l’esercitazione, che finora non era mai stato assegnato all’Italia in ambito multinazionale e conferma che la brigata sta acquisendo nuove capacità nell’ambito della Airborne Community. Quest’anno, peraltro, sarà ancor più essenziale, in quanto è prevista l’immissione di circa 600 parà e materiali in Lettonia. Si tratta di una Joint Forcible Entry in ambiente semi-permissivo, ossia un’operazione avio-portata a supporto dell’entrata in teatro di successivi scaglioni di forze, il cui schieramento verrà protetto e tutelato dai militari italiani della Folgore.

Obiettivo di Saber Strike 2018 è migliorare l’interoperabilità dei contingenti militari coinvolti nell’ambito di una Coalizione internazionale. Per la prima volta Israele partecipa non da osservatore, ma con forze operative sul terreno

Obiettivo della Saber Strike 2018 è migliorare l’interoperabilità tra i contingenti militari coinvolti, anche con tempi di risposta molto brevi, nell’ambito di una coalizione contro un nemico ibrido. Alle manovre partecipano Italia, Usa, Polonia, Portogallo, Spagna, UK e Israele, per la prima volta non in veste di osservatore ma di forza operativa sul terreno. Lo fa con un plotone paracadutisti, che opera insieme a uno italiano per effettuare un Air Field Seizure dell’aeroporto di Miroslawiec in Polonia. In questo contesto, gli Esploratori del 186° reggimento stanno operando sotto il diretto Comando e Controllo Tattico alla 82esima Divisione aviotrasportata e del 173esimo Infantry Brigade Combat Team (Airborne) in Lettonia. I fucilieri paracadutisti (un plotone) della 15esima compagnia “Diavoli Neri” e una squadra dell’8° reggimento genio guastatori “Folgore”, si trovano invece in Polonia con una compagnia statunitense, effettuando più attività tattiche di avio-lancio e avio-assalto.

Photo Credits: Brigata Paracadutisti Folgore