skip to Main Content

Libia, UNSMIL vola da Haftar per avere garanzie sulla Conferenza Nazionale

Libia, UNSMIL Vola Da Haftar Per Avere Garanzie Sulla Conferenza Nazionale

Il capo di UNSMIL, Ghassan Salmé, vola a Bengasi per incontrare Haftar. Focus del colloquio, l’operazione militare del generale che minaccia Sirte e tripoli, nonché le sue reali intenzioni sulla Conferenza Nazionale

Il capo di UNSMIL, la missione ONU in Libia, Ghassan Salamé è volato a Bengasi per incontrare Khalifa Haftar. Lo riferiscono fonti locali, spiegando che al centro del colloquio ci sono due temi: il primo è l’operazione del Generale nel Sud della Libia che ha improvvisamente deviato verso il centro e che ora punta a Sirte (e forse verso Tripoli). Il secondo è la Conferenza Nazionale, a cui k’uomo forte della Cirenaica dovrebbe partecipare. Salamé ha una missione impossibile: capire quali siano le reali intenzioni di Haftar con le manovre militari e far sì che non minaccino l’Al Multaqa Al Watani. L’evento, infatti, sarà annunciato nei prossimi giorni (forse in settimana se le cose andranno bene a Bengasi) e da quel momento non sarà più possibile tornare indietro. Anche perché ciò rischierebbe di far slittare (leggasi saltare) il processo politico nel paese africano, condiviso da Haftar e da Fayez Sarraj.

Intanto, a Tripoli il PC di Sarraj comincia a preparare le elezioni. Il loro futuro, però, è legato all’Al Multaqa Al Watani

Intanto, a Tripoli si lavora in vista del referendum e delle elezioni. Il ministero dell’Interno del Consiglio Presidenziale (PC) libico ha istituito il dipartimento Sicurezza Elettorale e Protezione presso il direttorato generale delle Operazioni di sicurezza. L’organismo dovrà sviluppare e implementare piani per il trasporto del materiale per i due voti (generale e referendum), nonché fornire protezione ai seggi. Ciò in cooperazione con le autorità competenti e con gli organismi dei dicasteri coinvolti. Allo stesso modo i Comitati centrali per le elezioni entro la fine del mese saranno operativi. Ciò che manca, invece, è la formazione per gli scrutatori. I tecnici, però, fanno sapere che non è un problema. Parallelamente, si stanno approntando una serie di piani, grazie anche alla collaborazione internazionale, per proteggere la popolazione da possibili attacchi. Nulla potrà essere organizzato, comunque, se prima non verranno adottati passi concreti alla Conferenza Nazionale.

Back To Top