Libia, UNSMIL è fiduciosa sul 2019 nonostante la crisi della sicurezza

Libia Libya Africa Onu Ghassansalame Unsmil 2019 Mena Fayezsarraj Khalifahaftar Sud Hsc Hor Sicurezza Terrorismo Gna Tripoli Elezioni Murzuqbasin Tobruk

UNSMIL, la missione ONU in Libia, è fiduciosa sul 2019. Ghassan Salamè: Lavoriamo affinché quest’anno si raggiunga l’accordo storico, che ponga fine alla frammentazione, unisca le istituzioni, rinnovi la leadership e anteponga la logica dello stato ai conflitti

UNSMIL, la missione ONU in Libia, è fiduciosa sul fatto che il 2019 sarà l’anno del “compromesso storico”. Pur nonostante il fatto che la sicurezza del paese africano continui a deteriorarsi, nonostante gli sforzi del GNA di Fayez Sarraj e delle autorità di Bengasi, che fanno capo al generale Khalifa Haftar. Che quest’anno “unisca insieme tutti i libici, senza eccezione, per un accordo storico che ponga fine alla frammentazione, unisca le istituzioni, rinnovi la leadership, anteponga la logica dello stato ai conflitti, metta fine alla minaccia del terrorismo e alle interferenze straniere sul loro suolo – si legge in un Tweet di Ghassan Salamè, a capo di UNIFIL -. Questo è il nostro obiettivo e noi lavoreremo al loro fianco in maniera risoluta”.

Dopo il GNA di Tripoli, anche Bengasi comincia a ragionare sull’unificazione delle istituzioni e degli sforzi comuni. Soprattutto sul versante della sicurezza, sempre più a rischio soprattutto a sud

Sia il GNA di Tripoli sia Bengasi stanno lavorando in questo senso soprattutto su un punto: la riunificazione dei rispettivi eserciti e delle istituzioni. A proposito, il ministro dell’Interno di Haftar, Fathi Pashagha, ha incontrato membri della Camera dei Rappresentanti (HoR). Focus su due temi: gli ultimi sviluppi sul versante della sicurezza in Libia e l’unificazione degli sforzi dei due ministeri omologhi su questo fronte. è il primo passo verso l’accorpamento delle istituzioni. La situazione, però, non è buona. C’è un generale incremento di violenza ovunque, con i picchi maggiori a sud del paese africano. Tanto che a Taraghin quattro membri delle milizie alleate del Generale hanno perso la vita in alcuni scontri con elementi Isis. Le milizie filo-Haftar hanno cacciato i jihadisti dalla zona agricola di Ghadwa, subendo però perdite.