Libia: Sarraj, dopo NATO e UE, punta al sostegno di Usa e paesi arabi

Libia Tripoli Serraj Nato Ue Usa Kuwait Mikepompeo SabahAlJabirAlSabah Elezioni Economia Gna Murzuqbasin Isis Elezioni Palermo Italia Terrorismo Gna Lna Haftar Africa MENA ONU UNSMIL Salame Milizie Misurata SettimaBrigata Difesa Sicurezza

Il premier libico, Fayez Sarraj, dopo aver ottenuto il supporto da NATO e UE punta agli Stati Uniti e ai paesi arabi.  Il capo del GNA incontra il segretario di Stato, Mike Pompeo, a cui chiede aiuto contro le ingerenze estere sgradite

Il premier della Libia, Fayez Sarraj, dopo aver ottenuto sostegno dalla NATO e dall’UE, punta agli Usa e ai paesi arabi. Il capo del GNA, infatti, nelle scorse ore è stato ricevuto dal segretario di Stato americano, Mike Pompeo, a Washington. Nell’occasione – oltre ai soliti mantra come le elezioni, le riforme economiche e la sicurezza – si è discusso anche di un altro tema. Quello delle ingerenze non volute negli affari interni del paese nord africano da parte di alcune nazioni. A riguardo, Sarraj ha chiesto che gli Stati Uniti intervengano. Pompeo ha ribadito il sostegno di Washington all’inviato ONU per Ghassan Salamè e al suo piano per portare avanti il processo elettorale, il quale passa anche per la conferenza nazionale che si terrà a gennaio in Libia. Inoltre, ha fatto sapere che verranno costituite commissioni congiunte con Tripoli su alcuni settori, come quelli energetico e delle infrastrutture.

Sarraj vola anche in Kuwait per parlare con il Principe Sabah Al-Jabir Al-Sabah. Scopo: ottenere più sostegno politico, in primis all’ONU, e fondi per la ricostruzione

Dopo gli Stati Uniti, Sarraj è volato in Kuwait per incontrare il Principe Sabah Al-Jabir Al-Sabah. Temi centrali del colloquio sono stati l’assistenza del paese arabo alla ricostruzione della Libia e la riapertura di una sua ambasciata a Tripoli. Sul primo fronte si è discusso dei finanziamenti diretti al paese nord africano e di quelli che passeranno attraverso l’Arab Development Fund. Inoltre, è stato trovato un accordo, in base a cui il Kuwait adotterà la visione del GNA al Consiglio di Sicurezza ONU e a proposito si coordinerà con Salamè e con UNSMIL. Sul secondo, c’è un’intesa comune per ristabilire la sede diplomatica. A patto, però, che il governo libico sia in grado di garantire la sicurezza. Al momento si stanno valutando i dettagli. Sarraj, peraltro, ha anche fatto visita al Consiglio della Umma del Kuwait e ha avuto un colloquio con il suo capo, Marzouq Al-Ghanim, definito molto produttivo.