skip to Main Content

Libia, Sarraj bombarda a tappeto l’LNA a Qasr Ben Ghashir

Libia, Sarraj Bombarda A Tappeto L’LNA A Qasr Ben Ghashir

L’LNA a Qasr Ben Ghashir sta subendo pesanti bombardamenti da parte delle forze del GNA, in vista della prossima invasione di terra. Quelle di Misurata, inoltre, preparano una maxi offensiva per riprendere Sirte

L’LNA a Qasr Ben Gashir sta subendo una pesante offensiva aerea da parte delle forze di Fayez Sarraj, in vista della prossima invasione di terra. Nelle ultime ore i caccia del GNA hanno bombardato la base operativa avanzata di Khalifa Haftar e l’ultimo tratto di strada dalla città verso Tripoli. Ciò in quanto è l’unico che manca ai militari occidentali per poter inviare rinforzi e rifornimenti direttamente alla prima linea. Una volta conquistato, sarà possibile lanciare il raid con i soldati. Parallelamente, anche Tarhuna è sotto aereo aereo. La roccaforte del Generale, l’ultima a ovest, da circa un giorno sta subendo un duro pressing da parte del nemico, che ha annunciato un’imminente operazione su vasta scala a est. In particolare le truppe di Misurata si preparano ad avanzare da Abu Grein per riprendere Sirte. Nelle manovre sono coinvolte migliaia di soldati, che hanno appena ricevuto nuovi aiuti dalla Turchia.

La Russia, intanto, cerca di mediare in extremis tra Sarraj e Haftar per salvare il Generale, nonché recuperare i propri cittadini prigionieri di Tripoli

Intanto, la Russia sta cercando di mediare tra Sarraj e Haftar per raggiungere velocemente una tregua. Obiettivo formale: evitare che la crisi peggiori. In realtà, punta a salvare il Generale prima sia troppo tardi. La sua annunciata maxi campagna aerea, infatti, si è rivelata un bluff e i caccia inviati da Mosca hanno scopi diversi. Da una parte proteggere i contractors del gruppo Wagner e dall’altra creare una sorta di linea di confine a Jufra, che le forze del GNA non devono superare. Non a caso, nonostante l’LNA a sud di Tripoli sia nella disfatta più totale, non sono mai intervenuti. La Federazione, parallelamente, comunque, vuole anche recuperare i suoi cittadini, prigionieri degli uomini di Sarraj, che secondo fonti locali sarebbero diversi.

Back To Top