skip to Main Content

Libia, ormai è guerra totale tra Sarraj e Haftar. Si teme un bagno di sangue

Libia, Ormai è Guerra Totale Tra Sarraj E Haftar. Si Teme Un Bagno Di Sangue

La crisi in Libia diventa guerra totale tra Sarraj e Haftar. L’LNA bombarda ancora l’aeroporto di Mitiga e, nonostante la condanna ONU, continua l’offensiva

Ormai la crisi in Libia si è trasformata in una guerra totale tra le forze di Fayez Sarraj e quelle di Khalifa Haftar. Lo ha confermato il portavoce dell’LNA, affermando che l’unica soluzione possibile oggi è quella delle armi. Non a caso, il Generale ha attaccato nuovamente l’aeroporto di Mitiga, ferendo due civili e danneggiando alcune infrastrutture, appena ripristinato. L’ONU ha condannato gli strike nei termini più duri, ma ciò non è servito a impedire alle truppe dell’uomo forte della Cirenaica di interrompere i raid. Tanto che i soldati del GNA si stanno scontrando con loro  Khawalek e in altre zone a sud di Tripoli. 

Gli scontri sul terreno, da sud di Tripoli si estendono anche a Misurata

Lo scontro tra le forze del GNA e l’LNA si sta spostando anche a sud di Misurata, dove le truppe di Haftar hanno lanciato un’offensiva di terra a sorpresa ad Abu Qurain e Al Hishah. I soldati di Sarraj, però, sembra siano riusciti a bloccarla per il momento, riprendendo la prima località. Secondo fonti locali, l’operazione era cominciata su tre assi da ovest di Sirte e vi hanno preso parte non solo uomini del Generale, ma anche mercenari sudanesi. La conferma viene dal fatto che alcuni di loro hanno perso la vita in battaglia e le loro salme sono state ritrovate dalle truppe di Tripoli.

Haftar deve arrivare presto a Tripoli. Altrimenti, sarà obbligato a sedersi al tavolo ONU, ma non da vincitore

Intanto, la comunità internazionale sta lavorando a tutto campo per fermare un probabile bagno di sangue in Libia. La Germania, dopo la Conferenza di Berlino, guida l’asse UE vicino a Sarraj. Egitto e altri paesi della regione, quello più in linea con Haftar. L’ONU cerca di mediare e coordinare gli sforzi per tenere in piedi un dialogo. Nessuno, però, sembra essere in grado di influire sulla condotta del Generale. La Russia, invece, ha scaricato formalmente l’uomo forte della Cirenaica, anche se ci sono ancora uomini e aspetti del gruppo Wagner in Libia. Di fatto, Haftar si sta giocando il tutto e per tutto. Soprattutto dopo le ultime  affermazioni del portavoce dell’LNA. O vince militarmente e in modo molto veloce contro il GNA, oppure sarà costretto a sedersi a un tavolo. Non più, però, da vincitore.

Back To Top