Libia, l’ONU toglie parzialmente le sanzioni sulle armi ma inserisce le violenze di genere

Libia Africa Mena Gna Tripoli Sarraj Russia Cina Onu Nazioniunite Violenze Migranti Armi Terrorismo Isis Alqaeda Sicurezza

Il Consiglio di Sicurezza ONU approva a maggioranza (Russia e Cina astenuti) la Risoluzione 2441. Inserite nelle cause delle sanzioni anche le violenze sessuali e di genere, soprattutto sui migranti

Il Consiglio di Sicurezza ONU ha esteso le sanzioni alla Libia fino al 2020. La Risoluzione 2441 è passata con 13 voti a favore e due astenuti (Russia e Cina). Questi paesi non si sono espressi a sostegno del provvedimento, in quanto ritengono che debba riguardare le minacce alla sicurezza internazionale e non la politica interna o le questioni penali nazionali. Mosca in particolare ha accusato i Paesi Bassi e la Svezia di aver proposto i nuovi criteri di sanzione per motivi di populismo, tentando di ottenere punti politici interni. A essere criticato è una nuova motivazione per le limitazioni, inserite nel testo. Quella di pianificare e commettere violenze sessuali e di genere. Il riferimento è in particolare a quelle commesse contro i migranti, che passano dal paese nord africano sperando di arrivare nell’UE. L’obiettivo è creare una deterrenza e far sì che i responsabili possano essere processati.

Non si ferma il contrasto all’export illegale di petrolio. Che sia greggio o prodotti raffinati. Tolto però parzialmente l’embargo sulla vendita di armi. Il GNA potrà chiederle per combattere Isis e gli altri gruppi del terrorismo nel paese

La risoluzione ONU 2441 sulla Libia è legata anche alla prevenzione di esportazioni illegali di petrolio. Sia greggio sia prodotti raffinati. Soprattutto da parte di istituzioni parallele non legate al GNA di Fayez Sarraj. A proposito si chiede a Tripoli di lavorare con la Libyan Oil Company (NOC) al fine di fornire aggiornamenti regolari su porti, terminal, campi petroliferi e istallazioni sotto il suo controllo. Nonché sui meccanismi di certificazione dell’export legale. Sulla vendita di armi e munizioni, invece, le Nazioni Unite hanno tolto parzialmente l’embargo. L’esecutivo del paese nord africano, infatti, potrà presentare richiesta per acquistarne. A patto, però, che siano usate dalle forze di sicurezza per combattere Isis, le formazioni alleate, Al Qaeda, Ansar Al Sharia e gli altri gruppi collegati che operano nella nazione. Oltre a Sarraj, negli ultimi giorni anche l’Egitto con il presidente Abd al-fattah al Sisi si era speso per chiedere la rimozione dell’embargo.

La Risoluzione ONU 2441 (file PDF)