skip to Main Content

Libia, nuovi venti di guerra Sarraj-Haftar a Sirte?

Che succede a Sirte? Improvvisamente Haftar invia nuovi assetti. Sarraj reagisce incrementando i rinforzi

La situazione si complica nuovamente in Libia, a pochi giorni dalla tregua siglata tra Fayez Sarraj e Aguila Saleh. Sembra che Khalifa Haftar abbia schierato nuovi assetti militari a Sirte. L’azione ha suscitato l’immediata reazione del GNA, che ha inviato rinforzi nell’area lungo la strada costiera. Il portavoce dell’esercito di Tripoli, il colonnello Mohamed Gnunu, ha infatti denunciato l’arrivo di 70 veicoli armati e di camion carichi di munizioni nell’ultima roccaforte del Generale a Ovest. Secondo l’alto ufficiale, sono destinati ai mercenari chadiani e dei Janjaweed che occupano il centro abitato. Questi, peraltro, sarebbero centinaia e si addestrerebbero presso una base a Zalla. Dall’LNA per ora non ci sono commenti sulle affermazioni.

Il caso “Bashagha” si complica. Le milizie di Misurata scendono in campo per sostenerlo e a comunità internazionale si dice preoccupata dei possibili sviluppi

Intanto, Sarraj si trova costretto a gestire una grana interna imprevista. La reazione delle milizie alla sospensione di Fathi Bashagha dall’incarico di ministro dell’Interno, a seguito della gestione violenta dell’ordine pubblico durante le proteste anti-governative a Tripoli. Provvedimento per di più preso mente l’esponente del GNA si trovava all’estero, in missione in Turchia. Oltre 300 mezzi dei gruppi di Misurata (città natia del ministro) sono attivati all’aeroporto internazionale di Mitiga per accoglierlo e manifestare il loro supporto. Bashagha, infatti, appena appresa la notizia aveva chiesto all’esecutivo di effettuare un’indagine pubblica in modo che “tutti i libici conoscano effettivamente i fatti”. La comunità internazionale si è detta preoccupata soprattutto a seguito del fatto che l’evento giunge in un momento molto delicato e ha chiesto a Sarraj e a Bashagha di cooperare per il bene della Libia.

Il GNA intanto nomina nuovi ministro della Difesa e capo dell’Esercito. Obiettivo: calmare le proteste anti-governative e Misurata

Sarraj, intanto, a sorpresa ha lasciato l’interim alla Difesa, nominando come ministro Salah al-Din al-Namroush (già sottosegretario presso lo stesso dicastero) e come capo di Stato maggiore dell’Esercito il generale Mohamed al-Haddad. L’alto ufficiale finora era a capo della Zona Militare Centrale della Libia. Il primo, peraltro, proviene da Al Zawiyah, mentre il secondo da Misurata. La loro nomina ha con buona probabilità un doppio obiettivo: da una parte cercare di calmare l’ondata di proteste anti-governative, che si ritiene siano alimentate anche da uomini di Haftar. Dall’altra, cercare di calmare le acque con la città alleata dopo l’estromissione di Bashagha dal GNA. 

Back To Top