skip to Main Content

Libia, l’LNA di Haftar perde pezzi: boom di defezioni a tutti i livelli

Libia, L’LNA Di Haftar Perde Pezzi: Boom Di Defezioni A Tutti I Livelli

L’LNA di Haftar perde pezzi: boom di defezioni dovute al pressing delle forze di Sarraj, alla stanchezza e all’ostinazione del Generale. L’ultima è quella del pilota dell’L-39 atterrato recentemente in Tunisia

L’LNA di Khalifa Haftar perde pezzi a causa delle sempre più numerose diserzioni a tutti i livelli. La conferma viene da una notizia di Radio France Internationale RFI. L’emittente, citando una fonte militare locale, riporta che il recente atterraggio in Tunisia dell’L-39 Albatross del Generale non è stato causato da un’emergenza. Ma da una volontà precisa del pilota, Faraj Al-Gharyani, di defezionare dopo non aver voluto rispettare l’ordine di bombardare la capitale libica. L’episodio è solo l’ultimo di una serie che si stanno verificando negli ultimi giorni tra le truppe di Bengasi. Queste, pressate dalle forze di Fayez Sarraj e dai caccia di Misurata, sono stanche e col morale a terra. Inoltre, l’uomo forte della Cirenaica continua a ordinare loro di attaccare, anche se si tratta di una sconfitta certa, come dimostrato nei recenti “Zero Hour”. L’alternativa quindi è consegnarsi al nemico o fuggire.

Haftar continua ad attaccare gli aeroporti di Mitiga e Misurata per fermare droni e piloti nemici. Inoltre, prende di mira Gharyan per cercare di far arrivare rinforzi e rifornimenti alla prima linea a sud di Tripoli

Intanto, Haftar continua la campagna aerea sugli aeroporti di Mitiga e Misurata. L’obiettivo è neutralizzare i droni e i piloti addestrati in Russia, che hanno inchiodato le truppe del Generale sul terreno e non permettono loro di ricevere rinforzi e rifornimenti. I caccia dell’LNA nelle scorse ore hanno attaccato anche Gharyan, per cercare di ostacolare la vigilanza del GNA sulla valle circostante. I soldati di Sarraj, infatti, grazie alla posizione rialzata della città e di una serie di assetti tecnologici, sono in grado di rilevare i movimenti dei convogli nemici verso Tripoli da grande distanza e quindi di comunicare le loro coordinate al centro di comando. Ciò non permette all’uomo forte della Cirenaica di far giungere risorse via terra alla sua prima linea. Questa, dunque, è quasi isolata e non a caso c’è stata un’esplosione di defezioni, con gli uomini che si consegnano alle forze di Sarraj o che fuggono.  

Back To Top