skip to Main Content

Libia, l’LNA attacca Tripoli ma è senza rifornimenti

L’LNA ha lanciato un nuovo attacco a sud di Tripoli, ma è senza rifornimenti. Le forze di Sarraj nei giorni scorsi hanno distrutto i depositi di Haftar per la prima linea

La guerra in Libia tra Fayez Sarraj e Khalifa Haftar al momento si concentra a sud di Tripoli. Le forze del GNA hanno respinto un tentativo di offensiva da parte dell’LNA a Wadi Rabea e ad Abu Salim. Gli uomini del generale hanno risposto con  diversi razzi e proietti di artiglieria sul quartiere. Colpiti anche gli ospedali locali Al-Khadra e Al-Hadaba. Obiettivo: aumentare il pressing sulle difese nemiche per indebolirle. Ciò, in vista di un teorico imminente nuovo attacco. L’esercito occidentale, però, nelle scorse ore ha distrutto nell’area alcuni depositi di munizioni e rifornimenti dell’uomo forte della Cirenaica. Tra questi anche un aereo cargo, appena atterrato al neonato aeroporto di Tarhuna. Di conseguenza, le truppe di Bengasi ora sono a corto di risorse e con una capacità operativa limitata. Infatti anche l’altro scalo usato per rifornire la prima linea, Witiya, è sotto attacco e di conseguenza è inservibile.

In Libia cresce l’emergenza coronavirus, registrato il diciottesimo caso ufficiale. In arrivo gli aiuti chiesti dal GNA. La NOC si prepara a distribuirli a tutto il paese, Cirenaica compresa

Intanto, in Libia cresce l’emergenza coronavirus. Nelle ultime ore è stato confermato ufficialmente il diciottesimo caso di contagio nella Tripolitania, ma si teme che siano molti di più. Da una parte per la limitata capacità di Tripoli di effettuare test sulla popolazione. Sarraj, però, ha chiesto aiuto alla Cina e ad altre nazioni per ricevere equipaggiamenti ed expertise, che cominciano ad arrivare. Dall’altra, tradizionalmente gli abitanti locali – soprattutto nelle zone rurali – tendono a curarsi a casa e a non andare dal medico. Inoltre, non ci sono informazioni formali per quanto riguarda l’Est di Haftar. La National Oil Corporation (NOC) ha comunque fatto sapere che procederà alla distribuzione degli aiuti in tutto il paese nord africano, Fezzan e Cirenaica compresi.

Back To Top