skip to Main Content

Libia, l’Italia non ha nessuna intenzione di sostituire l’ambasciatore Perrone

Libia, L’Italia Non Ha Nessuna Intenzione Di Sostituire L’ambasciatore Perrone

L’ambasciatore italiano in Libia, Giuseppe Perrone, non sarà sostituito. Fonti qualificate a Difesa e Sicurezza: Haftar nell’incontro con Moavero Milanesi – come tutti gli altri interlocutori del paese – ha espresso preoccupazione per un’intervista

L’Italia non ha nessuna intenzione di sostituire l’ambasciatore in Libia. Lo apprende Difesa e Sicurezza da fonti qualificate, le quali specificano che “al momento non c’è volontà di esaminare un’ipotesi di questo tipo. Sulla stampa sono apparse ricostruzioni errate in questi giorni”. Nell’incontro tra il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi e il generale Haftar si è discusso di vari temi, tra cui anche quello del diplomatico. Nell’occasione, però, sembra che l’uomo forte della Cirenaica abbia solo espresso preoccupazioni per un’intervista rilasciata da Perrone in cui erano sorti alcuni malintesi, che rappresentano una minaccia per la sicurezza. Preoccupazione espressa, peraltro, non solo dal generale ma anche da tutti gli interlocutori nel paese africano. Compreso il GNA di Fayez Sarraj.

L’eventuale sostituzione di Perrone avrebbe portato all’Italia in Libia più problemi che vantaggi. Peraltro in un momento clou, a seguito dell’avvicinarsi della Conferenza Internazionale di Roma

D’altronde la sostituzione di Perrone da parte di Moavero Milanesi sarebbe stata un gesto molto azzardato per l’Italia. I rapporti con Haftar, infatti, non nascono certo oggi, ma sono stati creati e portati avanti già dai precedenti esecutivi del nostro paese. Di conseguenza, un’azione simile sarebbe stata inutile se non dannosa. Infatti, avrebbe sicuramente indebolito quelli con Sarraj e il GNA. Peraltro in un momento cruciale, in quanto si avvicina la data della Conferenza Internazionale di Roma sulla Libia. L’occasione in cui l’Italia potrà ribadire il suo ruolo da protagonista nella gestione dell’affaire Libia, a scapito delle mire francesi.

Back To Top