skip to Main Content

Libia, la Turchia propone Saleh al posto di Haftar per negoziare con Sarraj

Libia, La Turchia Propone Saleh Al Posto Di Haftar Per Negoziare Con Sarraj

La Turchia propone Saleh come alternativa ad Haftar per negoziare con Sarraj sul futuro della Libia. La Russia deve trovare velocemente una soluzione o il GNA avanzerà ancora

La Turchia propone Aguila Saleh come soluzione alternativa a Khalifa Haftar su chi dovrà rappresentare Bengasi nei negoziati con il GNA di Fayez Sarraj sul futuro della Libia. Secondo Ankara, il presidente della Camera dei Rappresentanti (HoR) di Tobruk è un interlocutore affidabile e, inoltre, è un politico regolarmente eletto. Si attende ora una risposta della Russia sull’eventualità. Di certo c’è che se Mosca vuole mettere fine all’offensiva di Tripoli che minaccia la Mezzaluna Petrolifera e l’Est del paese nord africano, deve rapidamente trovare una soluzione alternativa al Generale che accontenti la controparte. Dopo che le forze occidentali avranno cacciato l’LNA da Sirte, infatti, il futuro è a un bivio. Potrebbero fermarsi e accettare l’avvio di negoziati, oppure prosegue la marcia. Su questo è stato chiaro il capo della Operation Room per Sirte e Jufra, Ibrahim Baytalmal: Non c’è alcun ordine contrario alla liberazione delle due città.

Peraltro, si aggrava la questione delle fosse comuni scoperte a Tarhuna. Tripoli chiede all’ONU aiuto per le indagini

A rafforzare l’ostilità circa la possibile partecipazione di Haftar ai negoziati con il GNA di Sarraj c’è anche la questione delle fosse comuni, appena scoperte a Tarhuna. A proposito, il GNA ha chiesto assistenza all’ONU sulle indagini per scoprire chi sia stato a compiere gli eccidi e, ovviamente, tutti gli occhi sono puntati sul Generale. Ciò in quanto la città era una sua roccaforte a sud di Tripoli e la milizia locale, la Settima Brigata dei fratelli Khani, era alleata dell’LNA. Al momento, inoltre, Tripoli e le Nazioni Unite stanno discutendo quale la tipologia di aiuti verranno forniti. Intanto, il Palazzo di Vetro continua a chiedere la tregua in Libia e sta lavorando per organizzare una nuova tornata di incontri della Commissione militare congiunta GNA-LNA.

Back To Top