skip to Main Content

Libia, la crisi della sicurezza comincia a colpire direttamente anche Haftar

Libia, La Crisi Della Sicurezza Comincia A Colpire Direttamente Anche Haftar

La crisi della sicurezza in Libia colpisce anche Haftar. Dopo l’attacco della milizia all’ospedale Jala di Bengasi, ribelli chadiani assaltano una base dell’LNA a sud uccidendo un soldato e rubando mezzi, armi e munizioni

La crisi della sicurezza in Libia comincia a colpire direttamente anche il generale Khalifa Haftar. Un gruppo di ribelli chadiani ha attaccato una base dell’LNA a Taraghin nel sud del paese africano, uccidendo un militare e ferendone altri, nonché rubando diverse armi e veicoli. Le truppe del generale si trovano nella zona per l’operazione Murzuq Basin, il cui obiettivo è fermare il terrorismo e la criminalità nella regione meridionale. L’azione si aggiunge all’attacco del 25 dicembre avvenuto all’ospedale Jala a Bengasi, in cui miliziani armati hanno fatto irruzione nella struttura seminando il panico e danneggiandola. L’azione ha fatto sì che nella città fosse adottato in tutta fretta un piano di sicurezza molto stringente, attivo per almeno tre mesi, che prevede posti fissi in tutte le vie di accesso e numerose pattuglie notturne.

Tutti i gruppi anti-governativi, da Isis alle milizie, passando per i mercenari stranieri, non percepiscono più le forze armate del GNA di Sarraj e del Generale come una minaccia insormontabile. Ma le considerano risorse da cui attingere all’occorrenza

La situazione della sicurezza in Libia sta sfuggendo di mano alle autorità. Sia al GNA di Fayez Sarraj sia al governo di Haftar. Lo confermano diversi elementi. In primis la capacità di Isis di attaccare bersagli di entrambi gli attori, segno che la formazione jihadista sta crescendo nel paese africano. Inoltre, le milizie continuano a combattersi tra loro e a occupare strutture chiave della nazione, nonostante i vari accordi e minacce. Infine, i mercenari stranieri e interni cominciano a prendere di mira anche le “forze armate” locali oltre che gli obiettivi civili. A testimonianza del fatto che non le percepiscono più come una minaccia insormontabile, ma come una risorsa da cui attingere per ottenere mezzi, armi e munizioni. C’è il rischio, quindi, che queste formazioni si spingano più all’interno in Libia, aumentando il livello di insicurezza e il caos.

Back To Top