skip to Main Content

Libia, la comunità internazionale è preoccupata in vista della Conferenza Nazionale

Libia, La Comunità Internazionale è Preoccupata In Vista Della Conferenza Nazionale

La comunità internazionale è preoccupata per la sicurezza dei propri cittadini in vista della Conferenza Nazionale in Libia. Dopo Usa, Italia e Germania, anche il regno Unito chiede ai connazionali di lasciare subito il paese

L’avvicinarsi in Libia della Conferenza Nazionale preoccupa la comunità internazionale, UE in testa, che teme per la sicurezza dei propri cittadini. Germania e Regno Unito hanno diramato avvisi in cui chiedono ai connazionali di lasciare immediatamente il paese africano per la fragilità della situazione. I pericoli sono legati soprattutto ad attacchi terroristici e a rapimenti, che potrebbero essere perpetrati da affiliati a Isis e Al-Qaeda, nonché da milizie armate. Non si esclude, nemmeno, che senza alcun preavviso possa scoppiare un’ondata di scontri nella nazione. L’Italia, già da febbraio del 2019, ribadiva “l’invito ai connazionali a non recarsi in Libia e, a quelli presenti, a lasciare temporaneamente il Paese” in ragione della assai precaria situazione. Peraltro, avvisaglie in questo senso ce ne sono appena state. A Tripoli c’è stato un allarme di imminente attacco terroristico e le forze di polizia sono intervenute nell’area dell’ufficio postale centrale.

Sarraj e il GNA, intanto, lavorano con i partner internazionali per il buon esito del Multaqa Watani

Intanto, il Consiglio Presidenziale (PC) di Fayez Sarraj continua a lavorare con i partner locali e internazionali per assicurare che il Multaqa Watani si tenga senza problemi. In particolare, il premier del GNA vuole evitare problemi di sicurezza. Sia nella zona di Gadames, dove si terrà l’evento, sia a Tripoli e nell’Ovest del paese africano. Si teme, infatti, che qualcuno possa approfittare del fatto che l’attenzione è concentrata sulla Conferenza per colpire altrove. Il governo e lo stesso Sarraj hanno incontrato il capo della missione UE di assistenza per i confini della Libia (EUBAM), Vincenzo Tagliaferri. Inoltre, in settimana si terrà un summit tra Libia, Tunisia, ONU e Unione Africana. Focus: la situazione nel paese africano e la Conferenza Nazionale. A margine dell’evento, peraltro, i rappresentanti di Tripoli vedranno quelli tunisini per fare il punto sulla sicurezza in vista dell’appuntamento, in quanto Gadames è al confine con Algeria e Tunisia. 

Back To Top