skip to Main Content

Libia, il GNA uscente: Usa e UE ci aiutino a espellere i mercenari russi

Il governo libico uscente ha chiesto a Stati Uniti e UE assistenza per espellere i mercenari della Wagner dal paese. Inviato a Washington e in Europa il documento “Biden Administration Options for and Benefits of Countering Russian Influence in Libya”

Il governo libico uscente ha chiesto a Stati Uniti e UE assistenza per espellere i mercenari della Wagner dal paese africano. Come riporta Libya Observer, è stato il ministro della Difesa, Salah El-Din Al-Nimroush a rilasciare una dichiarazione in merito, commentando il white paper “Biden Administration Options for and Benefits of Countering Russian Influence in Libya”. Secondo lui, l’espansione della Russia sta andando oltre l’occupazione militare e ora prende forma come interferenze nella politica e nei media. “Le nostre elezioni sono in pericolo, potremo essere protetti solo da una strategia che coinvolga il supporto dei nostri alleati nel mondo libero. Con maggiore sostegno e risorse – ha sottolineato -, le nostre forze convenzionali potranno giocare un ruolo da protagoniste nella difesa della Libia”. Il documento, realizzato, peraltro, è stato inviato anche al nuovo consigliere per la Sicurezza Nazionale USA, Jack Sliven, ad altri membri dell’amministrazione Biden e ai partner internazionali.

La richiesta di aiuto ai partner internazionali arriva dal vecchio GNA. Il nuovo la ratificherà?

Alle parole di Nimroush si sono aggiunte anche quelle dell’ex membro del Consiglio Presidenziale (PC) libico, Mohammed Ammari. “Le forze della Wagner non accetteranno nessun accordo per ritirarsi dalla Libia”, ha affermato chiedendo l’aiuti degli alleati UE e USA per espellerli “alla prima occasione e in ogni modo possibile”. Per Ammari, infatti, l’espansione della Russia non minaccia solo il paese africano, ma anche la sicurezza nazionale europea e americana. Resta da capire ora come si muoveranno il nuovo PC, guidato da Mohamed Younis Ahmed Al-Manfi, e il governo, una volta che sarà stato nominato. Saranno loro, infatti, che nel caso dovranno chiedere l’aiuto internazionale per l’espulsione delle milizie e dei contractors stranieri dalla nazione.

Back To Top