skip to Main Content

Libia, Haftar tenta ancora la carta del petrolio contro Sarraj e Tripoli

Libia, Haftar Tenta Ancora La Carta Del Petrolio Contro Sarraj E Tripoli

Khalifa Haftar tenta ancora la carta del petrolio contro Fayez Sarraj e Tripoli. La NOC: L’LNA si è insediato a Ras Lanuf e sta militarizzando il terminal. Inoltre, ha cercato di rifornire una nave da guerra

Khalifa Haftar tenta di nuovo la carta del petrolio per cercare di espugnare Tripoli e sconfiggere Fayez Sarraj. La National Oil Corporation (NOC) si è detta preoccupata per la presenza di un’ottantina di membri dell’LNA, i quali sono entrati nel terminal di Ras Lanuf. La NOC aggiunge in una nota che il gruppo ha preso possesso di un edificio e lo sta convertendo per usi militari. Inoltre, si è appropriato delle razioni alimentari e di 31 dormitori dello staff, nonché ha cercato di rifornire una nave da guerra. Il presidente della compagnia, Mustafa Senalla aggiunge che “la NOC opera per conto di tutti i libici” e che “non possiamo accettare una situazione in cui una parte nell’attuale conflitto abusi delle strutture petrolifere. La presenza delle forze nel terminal rappresenta un rischio inaccettabile per i dipendenti e lo rende un potenziale bersaglio militare”.

Il Generale aveva tentato una mossa simile già a febbraio, occupando i giacimenti di Sharara ed El Feel, i più grandi della Libia. La NOC minaccia di evacuare Ras Lanuf se la sicurezza dei dipendenti sarà a rischio

La NOC, aggiunge la nota “non comprometterà la sicurezza del suo staff”. Se la valutazione del rischio indicasse che le operazioni continuate di Haftar pongano un rischio inaccettabile per i lavoratori, “la compagnia intraprenderà i passi necessari per proteggerli. Inclusa l’evacuazione del terminal” di Ras Lanuf. Non è la prima volta che il Generale usa l’arma del petrolio contro Sarraj. A febbraio, le sue milizie alleate avevano assunto il controllo dei giacimenti di Sharara ed El Feel, i più grandi in Libia, per un certo periodo. La scusa allora era la lotta al terrorismo. Oggi, però, la situazione è diversa. Prendere Ras Lanuf ha una doppia valenza per l’uomo forte della Cirenaica. Da una parte mettere in difficoltà il GNA. Dall’altra, approvvigionarsi di carburante, fondamentale per poter continuare la campagna a sud di Tripoli. 

Mistero sul tentativo degli uomini di Bengasi di rifornire la nave da guerra. Intanto, le forze del GNA avanzano all’aeroporto internazionale di Tripoli e, forse, conquistano il ponte di Qasr Ben Ghashir, vicino al quartier generale dell’LNA

E’ strano, invece, il tentativo delle milizie di Haftar di rifornire la nave da guerra. Un attacco via mare a Tripoli sarebbe impensabile, in quanto il GNA è pronto da tempo a una eventualità del genere tanto da aver istituito pattugliamenti di tutta l’area costiera con numerose uniti navali ed elicotteri. Forse gli obiettivi potrebbero essere Sirte o Misurata. Di certo c’è che le forze di Sarraj continuano ad attaccare l’aeroporto internazionale e negli scontri è morto il capo del Consiglio militare di Zintan, Abdelsalam Abu Sitta. Sembra anche che l’esercito abbia preso il controllo del ponte di Qasr Ben Ghashir, anche se per il momento non ci sono conferme. Se fosse vero, sarebbe un colpo molto duro per l’uomo forte della Cirenaica. La città, infatti, ospita il quartier generale delle sue truppe.

Back To Top