skip to Main Content

Libia, Haftar risponde a ONU-partner sul Coronavirus aumentando il pressing su Tripoli

Libia, Haftar Risponde A ONU-partner Sul Coronavirus Aumentando Il Pressing Su Tripoli

Haftar risponde agli appello ONU e internazionali su una tregua umanitaria legata all’emergenza Coronavirus, aumentando il pressing su Tripoli. L’LNA cerca di infiltrarsi ad Ain Zara e attacca ad Abu Salim, Al-Hadba e Ras Hassan. Inoltre, cerca di prendere Al-Ramla per isolare la capitale 

La risposta di Khalifa Haftar all’appello ONU e della comunità internazionale di fermare gli scontri con il GNA per l’emergenza Coronavirus è stato intensificare gli attacchi su Tripoli. Nelle scorse ore, assetti dell’LNA hanno cercato di infiltrarsi ad Ain Zara e in altre zone a sud della capitale. Le forze di Fayez Sarraj li hanno respinti, ma gli scontri hanno causato diverse vittime civili. Tentativi analoghi si sono registrati ad Abu Salim, Al-Hadba e Ras Hassan. Inoltre, le truppe del Generale da tre giorni stanno cercando di assumere il controllo di Al-Ramla, vicino all’aeroporto internazionale. Ciò per conquistare Al-Sawani e Al-Zahraa, necessarie per isolare la città dalla regione delle montagne occidentali. La manovra, però, era stata intuita dal governo, che ha inviato rinforzi nel quadrante ed è riuscito a mantenere le sue linee di difesa.

Il Generale, però, ha paura. Tanto che schiera i soldati a Bengasi contro possibili rivolte interne. Intanto, il GNA di Sarraj valuta l’istituzione di un coprifuoco “a ore” contro la minaccia del COVID-19

Haftar, però, teme che l’emergenza Coronavirus possa creargli anche problemi interni. Non a caso, nelle ultime ore ha schierato assetti dell’LNA sulle strade di Bengasi. C’è il rischio, infatti, di sommosse popolari dettate dalle difficili condizioni di vita degli abitanti dell’area, a cui si aggiunge la paura di contrarre il COVID-19 e la mancanza di strutture adeguate a fronteggiare la pandemia. Intanto, anche l’OMS (WHO) si è unito all’appello internazionale per contrastare la pandemia. Invece, il GNA di Sarraj sta valutando se istituire il coprifuoco a Tripoli e nella regione per alcune ore della giornata. L’obiettivo è limitare le occasioni di contatto tra la popolazione e quindi i pericoli di contagio, nonché di diffusione del virus.

Back To Top