skip to Main Content

Libia, Haftar cerca di riprendere Gharyan mentre attacca a sorpresa Tripoli

Libia, Haftar Cerca Di Riprendere Gharyan Mentre Attacca A Sorpresa Tripoli

Haftar lancia un’offensiva in massa per riprendere Gharyan. L’LNA prende Ghout Al-Reeh, ma si ferma lì. Le forze del GNA e i combattenti locali, infatti, reagiscono bloccando l’avanzata nemica

Khalifa Haftar lancia un’offensiva in massa per riprendere Gharyan. Le truppe dell’LNA da qualche ora hanno cominciato un attacco complesso sulle forze del GNA nella città sull’altopiano libico. Prima i droni del Generale hanno colpito Ghout Al-Reeh, con l’obiettivo di aprire la strada agli uomini di Bengasi. Essendo l’area aperta, e quindi facilmente esposta ai raid nemici, i militari  all’interno hanno ripiegato, lasciando campi libero alle milizie dell’Est. Queste vi sono poi entrate e ora si trovano a circa 45 chilometri a sud est del centro abitato. Però, non riescono ad avanzare a causa dell’imponente fuoco di sbarramento dei soldati di Fayez Sarraj e dei combattenti locali, avvantaggiati dalla posizione geografica di Gharyan. Le sue difese, infatti, per il momento tengono. Resta da capire se l’uomo forte della Cirenaica continuerà il pressing o se abbandonerà il campo, come avvenuto più volte recentemente.

Il Generale ha cercato di copiare la strategia di Sarraj, puntando su Gharyan per attaccare invece a sorpresa Tripoli. Il risultato però è stato fallimentare. I suoi uomini sono fuggiti e altri si sono consegnati al nemico

Haftar, peraltro, ha anche tentato di attaccare a sorpresa a sud della Capitale. Truppe dell’LNA hanno preso di mira Wadi Rabea e Zatarna, ma sono state respinte con perdite e alcuni uomini del Generale si sono addirittura consegnati ai soldati nemici. L’uomo forte della Cirenaica ha usato la stessa strategia che Sarraj impiegò per prendere Gharyan. Una violenta offensiva, in quel caso all’aeroporto internazionale di Tripoli, come diversivo per colpire invece altrove in una zona lontana. Le forze del GNA, però, si aspettavano un’azione di questo tipo e si sono fatte trovare pronte. Tanto in poche ore  gli uomini di Bengasi sono stati sconfitti e costretti a fuggire velocemente a sud. Per di più lasciando sul campo armi, munizioni e mezzi.

L’uomo forte della Cirenaica per lanciare la doppia offensiva è stato obbligato ad allentare il pressing su Murzuq, rischiando che i Tabu avanzino. Se perdesse la regione, verrebbe immediatamente scaricato dai suoi partner internazionali e a quel punto sarebbe solo

Intanto, le truppe del GNA e quelle del GNA continuano a combattere nell’area di Qasr Ben Ghashir. Qui c’è il quartier generale avanzato di Haftar, nonché vi passa l’ultima grande rotta di rifornimento via terra per la prima linea del Generale a sud di Tripoli. Per l’uomo forte della Cirenaica è essenziale mantenere il controllo dell’area, come lo è riprendere Gharyan (dove passa l’altra direttrice principale per l’arrivo di rinforzi e risorse dei suoi uomini). Non a caso, ha scelto di ridurre momentaneamente il pressing su Murzuq per dirottare le sue forze più a nord, anche se con ogni probabilità riprenderà gli attacchi quanto prima (soprattutto i raid aerei) per evitare che la South Protection Force dei Tabu tenti di avanzare nella regione, ricca di risorse energetiche.  Questa, infatti, è la sua “assicurazione sulla vita” per ricevere supporto da alcuni partner internazionali. E, se fosse persa, Haftar sarebbe solo.

Back To Top