skip to Main Content

Libia, Al-Fessi: La Cirenaica è nel caos, non c’è più sicurezza

Il capo delle milizie Awliaa Al-Dam, Al-Fessi descrive una sorta di Far West a Bengasi e nell’Est: La Cirenaica è nel caos, non c’è più sicurezza

La Cirenaica è nel caos: non ci sono più sicurezza e rispetto delle leggi. Lo ha denunciato Eyad Al-Fessi, alto personaggio tribale e a capo delle milizie Awliaa Al-Dam di Khalifa Haftar, in un video su Facebook dopo essere scampato a un tentativo di rapimento. Lo riporta il Libya Observer. Secondo il comandante Bengasi e tutta la regione orientale libica sono diventate una sorta di Far West, caratterizzato da un’assenza di controllo e da un’ondata di violenza. A proposito ha ricordato che ci sono stati diversi omicidi negli ultimi giorni. Alcuni corpi sono poi stati gettati in mare e altri nelle fondamenta dei palazzi in costruzione. E’ anche boom di rapimenti, come lui stesso a sperimentato, sia per denaro sia per ricattare i clan a cui appartengono le vittime. Di fatto, sembra che il Generale non abbia più interesse (o non sia in grado) di mantenere l’ordine.

Inoltre, Haftar è sparito dai radar. E’ Saleh, infatti, che tratta con Sarraj e i partner internazionali

Che la situazione a Est della Libia sia ormai fuori controllo, lo si capisce anche dai recenti attacchi alle forze del GNA di Fayez Sarraj da parte di unità isolate dell’LNA o delle milizie alleate. Questi non avevano alcun senso in ambito tattico o strategico. Il loro scopo, infatti, era fare pressione su Haftar perché pagasse i salari arretrati. In passato, però, il Generale avrebbe risposto in maniera energica, giustiziando o quantomeno condannando i responsabili. Oggi, invece, questi rimangono al loro posto e sembra che l’uomo forte della Cirenaica sia sparito dai radar. Il protagonista per l’area orientale libica, infatti, è diventato Agila Saleh, presidente della Camera dei Rappresentanti (HoR) di Torbuk. E’ lui che parla con Sarraj e i leader internazionali, per cercare una linea comune e far progredire i lavori del Libyan Political Dialogue Forum (LPDF).

Back To Top