skip to Main Content

La crisi in Zimbabwe non vale un Tweet dai grandi leader (Italia inclusa)

La Crisi In Zimbabwe Non Vale Un Tweet Dai Grandi Leader (Italia Inclusa)

Le uniche informazioni ufficiali dei governi sulla situazione nello Zimbabwe sono le raccomandazioni ai connazionali nel paese africano

La crisi nello Zimbabwe ha creato sconcerto nella comunità internazionale, in quanto il colpo di stato (negato come tale) dei militari è stato totalmente imprevisto. Inoltre, non si sa quali sono gli effetti che potrà avere. Ciò nonostante, almeno sui social media, non c’è un commento da parte di uno dei grandi leader. Nessun Tweet da Trump, Macron, May o Gentiloni. Le uniche parole ufficiali sono quelle dei ministeri degli Esteri/dipartimento di Stato, rivolte ai propri cittadini ad Harare o in altre zone della nazione africana. Tutti raccomandando di rimanere nelle proprie case o alberghi, a seguito della situazione incerta e di limitare al massimo gli spostamenti. A Proposito, gli USA consigliano di spostarsi – se proprio necessario – almeno solo nelle ore diurne, adottando la massima cautela. Dall’Italia, l’Unità di Crisi della Farnesina aggiunge di esercitare massima cautela e di evitare qualsiasi assembramento in particolare nella capitale.

Intanto Mugabe è agli arresti domiciliari. Non si sa quale sarà la sorte della moglie Grace. I partiti politici sperano ora in una democratizzazione post-golpe

Intanto, l’ex presidente dello Zimbabwe, Robert Mugabe, si trova in stato di detenzione ai domiciliari. Ciò dopo essere stato arrestato senza spargimenti di sangue. Lo rende noto il partito di maggioranza del paese africano, sottolineando di sperare che ora ci sia una transizione pacifica verso una democratizzazione della nazione. Insieme a lui sono stati fermati il ministro delle Finanze, lo staff del Parlamento e della polizia che presidiava l’edificio ad Harare. Non è, invece, ancora chiara la sorte di Grace Mugabe, la moglie del capo dello Stato. Sembra che il marito abbia accettato di consegnarsi ai militari in cambio della promessa che le fosse concesso di abbandonare il paese. Al momento, però, non si hanno notizie su una sua partenza verso l’estero. I soldati, invece, continuano ad affermare di aver fermato solo i criminali che circondavano Mugabe e che la situazione tornerà alla normalità quanto prima.

 

Gic

Twitter (@gcaroli)

Back To Top