skip to Main Content

Isis in Iraq gioca l’arma delle fake news, ma si smentisce da solo

Isis In Iraq Gioca L’arma Delle Fake News, Ma Si Smentisce Da Solo

La bufala: 4 inghimasi Isis si infiltrano in una base Usa e distruggono artiglieria uccidendo gli occupanti

Nuova fake news Isis in Iraq. Amaq, l’organo di propaganda su internet del Daesh ha reso noto che 4 soldati “inghimasi” (infiltrati) hanno attaccato una base Usa a sud ovest di Kirkuk, uccidendo i militari e distruggendo pezzi di artiglieria pesante. In dettaglio è stato affermato che sono stati inabilitati 4 Howitzer e veicoli a ovest del distretto di Makhmour. Peccato che poco dopo l’azione, ha parlato il portavoce della Coalizione internazionale, smentendo la bufala raccontando come sono andati veramente i fatti. È vero che lo Stato Islamico ha tentato di attaccare una base dell’operazione Inherent Resolve nei pressi di Hawija. Ma ha fallito per sua stessa colpa. La cintura esplosiva di attentatore suicida (shahid) è detonata prematuramente, uccidendo l’uomo e facendo rilevare il gruppo. A quel punto, le difese della struttura sono intervenute, eliminando anche altri 2 assalitori. Senza, peraltro che ci fossero vittime o danni tra i militari.

La stessa compilazione approssimativa della fake news denota che la capacità di propaganda Isis è crollata

La fake news Isis, peraltro, appariva irrealistica anche prima delle parole della Coalizione Internazionale. Nel messaggio su Amaq si fa esplicito riferimento ai 4 inghimasi. Sono miliziani Daesh dotati di armi leggere e di una cintura esplosiva, che solitamente utilizzano come estrema ratio. Sono chiamati anche “coloro che sopravvivono alla morte”, in quanto le loro azioni non sono suicide. Perciò, come avrebbero fatto 4 miliziani con explosive belt a distruggere altrettanti Howitzer e in più alcuni veicoli? Non solo. Come si sarebbe potuto uccidere tutti gli occupanti della base, senza che questi reagissero? La propaganda jihadista, dopo che sono stati eliminati i vertici responsabili dello Stato Islamico, ha subito un crollo verticale. La conferma viene da questo e altri tentativi, ormai poco più che puerili, che sperano di convincere l’audience della propria potenza. Mentre, invece, si moltiplicano i fronti di pressing senza che ci siano le possibilità di reagire.

Back To Top