skip to Main Content

Isis a Tal Afar subisce il più grande furto di sempre in Iraq

Isis A Tal Afar Subisce Il Più Grande Furto Di Sempre In Iraq

La scomparsa del tesoriere, Abu Baraa al-Qahtani, ha gettato Isis nel caos a Tal Afar

In Iraq Isis ha nuovamente perso tutte le sue finanze. Il leader del Daesh, responsabile per il Diwan Bayt al-mal (il tesoro di Stato) a Tal Afar, è fuggito isieme a 3 suoi luogotenenti con milioni di dollari delle casse. Si chiamava Abu Baraa al-Qahtani e sembra sia scomparso nel nulla con i fondi, destinati a pagare i miliziani. A seguito dell’evento, nella roccaforte dello Stato Islamico a ovest di Mosul è scoppiato il caos. La cifra sottratta, infatti, sarebbe quella più alta mai rubata ai jihadisti nel paese mediorientale. Non è la prima volta che qualche comandante diserti rubando il tesoro di stato degli estremisti, sia a Tal Afar sia a Mosul. Questo, però, non era mai stato così ingente. Dalla Siria, infatti, recentemente sono arrivati finanziamenti per frenare l’emorragia di fondamentalisti nella zona. Questi lasciano le fila del Califfato o perché non sono pagati da mesi o in quanto vedono ormai il sogno infranto, a seguito delle costanti sconfitte subite.

A Mosul Isis perde al-Harmat al Thalitha. PMU avanzano ancora verso la Siria

Intanto a Mosul Isis perde un altro quartiere: al-Harmat al Thalitha. Questo è stato liberato dalle forze di risposta rapida della polizia federale irachena, che operano sull’asse nord ovest. Ieri le truppe di Baghdad avevano cacciato Daesh dal distretto di Hawi al-Kanisah e preso il controllo delle sponde meridionale e occidentale del Tigri. Venerdì, invece, i miliziani erano stati sconfitti a Islah al-Zeraee. Parallelamente, le milizie paramilitare sciite PMU continuano ad avanzare a ovest della ex roccaforte dello Stato Islamico verso la Siria. In particolare da Tal Afar al confine con il paese vicino, a Qairawan e Baaj. Finora hanno preso 5 villaggi, ma si muovono velocemente.

Back To Top