skip to Main Content

Iraq/Siria, Isis perde 4 leader a seguito dei raid di Inherent Resolve

Iraq/Siria, Isis Perde 4 Leader A Seguito Dei Raid Di Inherent Resolve

In 3 settimane uccisi 4 leader Isis a Qaim, Mayadeen e Abu Kamal (Al Bukamal)

La Coalizione Internazionale ha ucciso 4 leader Isis in Iraq e Siria. Lo rende noto l’operazione Inherent Resolve in una nota. Grazie a seguito di una serie di raid aerei mirati nelle ultime 3 settimane, è stata minata la capacità del Daesh su diversi fronti. Da quello della produzione di armi ai reclutamenti e alla radicalizzazione. Passando per la pianificazione e la condotta di attacchi e offensive in entrambi i paesi. Due comandanti dello Stato Islamico sono stati uccisi ad Anbar in Iraq e gli altri nella zona sud della provincia siriana di Deir ez-Zor. La Coalizione ha fatto sapere anche che continuerà a esercitare pressing sui vertici Isil e sui loro associati, attraverso network multipli. Si punta a degradare, distruggere e smantellare le strutture dei jihadisti, nonché a rimuovere i miliziani da entrambe le nazioni.

Chi sono i leader Isis uccisi dalla Coalizione Internazionale in Iraq e Siria

I 4 comandanti Isis eliminati in Iraq e Siria sono Yusuf Demir, Omer Demir, Abu Yazin e Abdellah Hajjiaou. Il primo, ucciso vicino a Qaim il 26 ottobre, aveva legami con il network del daesh in Europa e Medio Oriente. Il secondo, morto lo stesso giorno nella medesima aerea, coordinava le operazioni esterne dello Stato Islamico nelle due regioni. Il terzo era un facilitatore di armi e ha perso la vita il 3 novembre vicino Mayadeen. L’ultimo, invece, era un pianificatore delle operazioni esterne ed è stato ucciso il 5 novembre nell’area di Abu Kamal (Al Bukamal). Con la loro morte, unita ai cyber attacchi ad Amaq – l’organo di propaganda online – per Isil diventa molto più difficile non solo condurre contrattacchi nelle due nazioni. Ma anche reclutare e radicalizzare nuovi adepti in tutto il mondo, nonché aiutarli a compiere attacchi terroristici.

Back To Top