Iraq, Isis perde non solo Hawija ma tutto il governatorato di Saladin

Iraq Hezbollah Isf Erbil Kurdistan Curdi Abadi Kurdistan Referendum Riyadh Saladin Peshmerga Abadi Laf Saa Accordo Negoziato Hawija Isis Offensiva Ramadan Diyala Fatwa Siria Isil Daesh Stato Islamico Kirkuk Roccaforte

Isis ha sconfitto anche Riyadh, a sud ovest di Kirkuk rimane solo una piccola sacca di resistenza

Isis a sud ovest di Kirkuk, dopo Hawija, ha perso anche Riyadh. Con questa sconfitta lo Stato Islamico è  stato definitivamente cacciato da tutto il quadrante nel paese, a parte una piccola sacca di  resistenza a est della strada tra Bajji e Kirkuk, che sarà liberata nelle prossime ore. Le ISF e le Forze di Mobilitazione Popolare (PMF) in giornata hanno assunto il controllo di Qaryat Shamlan, Qaryay Halawan e Khan verso Sharqat. Ciò ha determinato che tutto il governatorato di Saladin sia stato bonificato  dalla presenza dello Stato Islamico. Isil in Iraq rimane solo in alcune zone di Anbar: Rawa, Qaim e parte della Middle Euphrates Valley. L’offensiva per liberarle, comunque, è  imminente. Si parla addirittura di giorni, anche se Baghdad al momento  è impegnata a contrastare gli effetti  del referendum nel Kurdistan iracheno.

Il bilancio dell’operazione per liberare Hawija dal Daesh

Intanto, i vertici delle forze irachene tracciano un primo bilancio della seconda fase dell’offensiva anti-Isis ad Hawija. Il generale Shaker Jawdat, a capo  della Polizia Federale ha affermato che nelle manovre sono stati uccisi 270 miliziani Daesh. Inoltre, è stato liberato un territorio complessivo, pari a 640 chilometri quadrati. In dettaglio, lo Stato Islamico è stato sconfitto cacciato da 141 tra villaggi”. Tutto in appena una settimana di battaglie. Il premier al-Abadi, infatti, aveva dato il via all’operazione venerdì scorso. Invece, nella prima fase della campagna a sud-ovest di  Kirkuk, sono stati eliminati 557 jihadisti Isil e liberati oltre 100 insediamenti. All’invasione non hanno partecipato, al contrario di come si riteneva in un primo  momento, i Peshmerga. I militari curdi  si sono limitati a presidiare i confini dell’area di operazione per evitare fughe e arrestare gli estremisti che si arrendevano. Questi sembra siano nell’ordine di oltre 300.