skip to Main Content

Iraq, Isis ha paura: i miliziani sono terrorizzati di essere arrestati

Iraq, Isis Ha Paura: I Miliziani Sono Terrorizzati Di Essere Arrestati

I jihadisti Isis cercano di fuggire A Raqqa e Deir ez-Zor, in quanto ritengono siano ancora sicure

I miliziani Isis in Iraq per la prima volta hanno paura. Anzi sono terrorizzati di essere arrestati dalle forze locali. Lo conferma il fatto che numerosi jihadisti del Daesh si sono tagliati le barbe e nascosti in mezzo alle famiglie degli sfollati. Il loro obiettivo è fuggire verso la Siria, Deir ez-Zor e Raqqa. I jihadisti, peraltro, sono stati tenuti all’oscuro dai loro comandanti sul fatto che le due città siano ormai assediate e che progressivamente stiano cadendo. Pensano ancora che siano le roccaforti dello Stato Islamico e stanno facendo di tutto per raggiungerle a qualsiasi costo. Gli estremisti, però, non hanno fatto i conti con l’odio della popolazione locale verso di loro, dovuto alle barbarie che hanno perpetrato negli anni. Di conseguenza, le famiglie si rifiutano di coprirli e appena si presenta l’occasione, vengono segnalati alle autorità.

Per i miliziani essere arrestati è una vergogna, è meglio morire

L’arresto è il maggior timore dei jihadisti, considerato peggio della morte. Questo, infatti, viene visto da Isis come un’umiliazione e la conferma definitiva e ufficiale della sconfitta. Perciò, alcuni miliziani Daesh quando vengono scoperti preferiscono attivare le cinture esplosive che indossano e farsi esplodere. È successo numerose volte dalla caduta di Mosul, in diverse aree dell’Iraq. Comunque, oltre alle segnalazioni della popolazione, le forze locali hanno istituito un servizio di interviste verso gli sfollati. Ciò in qualche caso ha generato malumore tra gli interrogati, ma ha permesso all’intelligence di scoprire molti infiltrati dello Stato Islamico tra loro e di salvaguardare la sicurezza generale. Non tutti gli estremisti sono in fuga. Altri, invece, si mescolano alla popolazione per condurre attentati, come si è visto recentemente proprio nella provincia di Nineveh.

Back To Top