skip to Main Content

Iraq, Isis è completamente circondato nella Città Vecchia a Mosul

Iraq, Isis è Completamente Circondato Nella Città Vecchia A Mosul

Isis nella Città Vecchia è circondato sui 4 lati. In risposta vieta il cibo alla popolazione

Isis è completamente circondato nella Città Vecchia a Mosul. La polizia federale presidia l’area da sud; le forze di reazione rapida sono schierate a est e l’anti-terrorismo a ovest e nord. Nel quartiere, inoltre, rimangono solo circa 200 miliziani Daesh. Questi, ormai allo stremo, secondo diverse fonti locali hanno cominciato a negare il cibo alla popolazione locale. L’episodio è avvenuto in particolare nel quartiere di Bab al-Jadid e ha visto lo Stato Islamico togliere il cibo ai civili, che si erano rifiutati di aiutare i jihadisti a piazzare mine. Gli ordigni servivano a rallentare l’offensiva delle truppe locali nell’area. Probabilmente, gli stessi estremisti sono a corto di derrate alimentari e hanno colto l’occasione per risparmiarle, punendo allo stesso tempo i “ribelli”.

Scoperto ad Ar Rabi un laboratorio artigianale Isis di armi chimiche

Intanto, nel quartiere di Ar Rabi di Mosul ovest è stata scoperta una fabbrica di armi chimiche Isis. Al suo interno erano stoccati diversi barili, un lanciarazzi modificato per sparare proietti speciali e diversi libri sulla materia. Uno in particolare aveva come titolo “Eco Toxicology”. Trovati anche diversi sacchi di super fosfati, prodotti in Iraq a Qaim nella provincia di Anbar. Nella struttura erano presenti anche alcuni strumenti, come ampolle, pentole e mascherine, utili per la fabbricazione degli agenti nervini. Secondo l’intelligence irachena, comunque, si trattava di un laboratorio artigianale del Daesh. Infatti, sembra che qualcuno nello Stato Islamico, usando i testi e una serie di documenti, abbia provato a produrre tossine. Non si sa, però, se ci sia riuscito.

A 17 Tamuz le forze irachene trovano documenti Daesh di primaria importanza

Anche le perquisizioni nel quartiere 17 Tamuz (17 Luglio) di Mosul, recentemente liberato da Isis, hanno portato dei risultati. All’interno di alcuni edifici sono stati trovati diversi documenti del Daesh, considerati dagli 007 iracheni di primaria importanza. Tutte le carte sono state trasferite presso il Comando operativo congiunto (JOC) per essere vagliate dagli analisti. A differenza di altre zone, in cui lo Stato Islamico ha bruciato le carte prima di lasciarle, a 17 Tamuz ciò non è stato possibile. Ciò, in quanto l’offensiva delle forze locali ha lasciato ai miliziani solo il tempo strettamente necessario per fuggire verso la Città Vecchia.

Il video su YouTube del ritrovamento del laboratorio Isis di armi chimiche

Back To Top