Iraq, Isis deve sparire. Non solo a livello militare, ma anche di simbolo

Siria Syria Quneitra Deirezzor Badia Suweida Sdf Operationroundup Saa Islamicstate Syrianarmy Hajin Shafah Baghuz Sousa Alsafa Globalcoalition Iraq Russia Damascus Isf Deiressor Islamicstate Daraa Suweida Badia Abukamal Uomonero Isf Dibs Kirkuk Iraq Kuwait Abukamal Mayadeen Maghreb Saa Sdf Islamicstate Arabiasaudita Saudiarabia Intelligence Islamicstate Daesh Is Ryadh Anbar Kirkuk Diyala Middleeast Iraq Sdf Raqqa Deirezzor Sdf Saa Middleeuphratesvalley Civilcouncil Iraq Abukamal Tal Afar Europa Occidente Medio Oriente Leader Foreign Fighters Kosovo Albania Israele Avvelenamento Homs Abadi Tal Afar Hawija Baqubah Diyala Baghdadi Salahuddin Siria Isis Fossa Comune Droga SDF Baghdadi Mosul Raqqa Tabqa Strategie Difesa Middle Euphrates Valley Daesh Isil Stato Islamico Califfato Mosul Raqqa

A Mosul si lavora per smantellare tutti i simboli di Isis e del Califfato. In primis la moschea al-Baghdadi

Isis in Iraq deve sparire. Non solo a livello militare, ma anche come simboli. Le forze locali hanno lanciato una campagna per eliminare tutte le tracce del Daesh, partendo da Mosul. La città nella provincia di Nineveh, infatti, era stata eletta a capitale dello Stato Islamico nel paese direttamente dal Califfo Abu Bakr al-Baghdadi. Questo si era fatto anche intitolare una moschea nel centro abitato, che la Polizia Federale ha cominciato a smantellare. La struttura era stata già pesantemente danneggiata durante le operazioni delle ISF per riprendere la zona. Alcune ore fa, però, sono stati messi in campo gli specialisti del Genio per rimuovere gli ultimi resti. La Moschea, inaugurata a luglio del 2015 nel quartiere di Bab al-Toub, aveva funzioni specifiche. Da una parte era il quartier generale della Hisbah, la polizia religiosa Isil. Dall’altra, veniva usata dai leader dei jihadisti per scopi privati e varie attività.

Prosegue l’operazione ad Al Jazeera per schiacciare Isis nella MERV. Manovre in corso ad Anbar

Parallelamente alla distruzione della moschea al-Baghdadi a Mosul, le forze irachene continuano l’operazione ad Al Jazeera per schiacciare Isis al confine con la Siria. In particolar modo nella Middle Euphrates valley. Le forze di Baghdad e le milizie paramilitari sciite stanno operando nelle zone desertiche tra Anbar, Salahuddin e Nineveh per annientare il Daesh. Nel corso delle manovre hanno distrutto un campo di addestramento dello Stato Islamico a sud di Rutbah. Al suo interno c’erano alcune auto-bomba, doversi ordigni e un laboratorio per la fabbricazione di bombe. Inoltre, hanno ucciso 27 miliziani Isil in un attacco aereo nella stessa zona, anche se in una località diversa. I caccia hanno bombardato una base nascosta dei jihadisti a Wadi Hawran, eliminando jihadisti (tra cui foreign fighters), mezzi e infrastrutture.