Iraq, Isis controlla solo il 30% del deserto di Al Jazeera

Iraq Isis Isil Merv Middleeuphratesvalley 9dicembre Paratamilitare Anbar Salahuddin Nineveh Daesh Peshmerga PMU Hawija Statoislamico Isf Anbar Annah Rawa Qaim Pmu

Le forze irachene hanno cacciato Isis da circa il 70% di Al Jazeera tra Anbar, Salahuddin e Nineveh

In Iraq, Isis controlla ormai solo il 30% della regione di Al Jazeera tra Anbar, Salahiddin e Nineveh. Le ISF hanno cacciato Daesh da circa il 70% della zona desertica che arriva fino alla Middle Euphrates Valley (MERV) al confine con la Siria. Baghdad non controllava l’area dal 2003 e questa era diventata il santuario di molto gruppi terroristici, di cui l’ultimo è lo Stato Islamico. Vi si sono rifugiati miliziani in fuga dai campi di battaglia non solo in Iraq (Mosul, Anbar, Hawija). Ma anche in Siria (Raqqa e Deir ez-Zor per ultime). Insieme a loro si trovano ne quadrante numerosi leader, tra cui forse anche lo stesso Abu Bakr al-Baghdadi. Il Califfo, infatti, è riapparso pochi giorni fa nei pressi di Abu Kamal (Al Bukamal). Sembra che, ferito e a capo di un pugno di uomini, stesse cercando di raggiungere la MERV o di fuggire in Iraq.

Il 9 dicembre ci potrebbe essere una parata militare per festeggiare la sconfitta del Daesh e forse l’avvio delle manovre nella MERV in Siria

Secondo alcune indiscrezioni, la sconfitta finale di Isis in Iraq sarà annunciata da Abadi la prossima settimana. In particolare potrebbe essere il 9 dicembre con una parata delle forze armate a Baghdad. Questa con ogni probabilità saranno rappresentate dall’esercito, dalla polizia federale e dalle milizie paramilitari sciite (PMU). Per il premier Haider al-Abadi, Daesh è stato già sconfitto militarmente nel paese. Prima, però, che possa essere confermata una vittoria ufficiale, lo Stato Islamico dovrà essere cacciato dall’area desertica. Se la data fosse confermata, peraltro, ciò significherebbe che in quei giorni prenderebbe il via anche l’operazione nella MERV nel paese vicino. I miliziani, infatti, cercheranno sicuramente rifugio in Siria. Perciò, le forze locali dovranno intervenire prima che i jihadisti si riorganizzino e tentino avanzate all’interno del territorio.