skip to Main Content

Iraq, fughe di massa da Isis a Qaim verso Abu Kamal in Siria

Iraq, Fughe Di Massa Da Isis A Qaim Verso Abu Kamal In Siria

Come avvenuto anche ad Annah, i jihadisti Isis si danno alla fuga in Siria per salvarsi la vita

I miliziani Isis, come era prevedibile, stanno fuggendo da Qaim in Iraq verso la Siria. Lo conferma la stampa locale, citando fonti d’intelligence. L’emorragia di jihadisti Daesh è coincisa con l’avvio delle ultime operazioni ad Anbar ed è aumentata nei giorni scorsi, a seguito della inaspettatamente veloce avanzata delle ISF. “Molti elementi dello Stato Islamico hanno lasciato Qaim per dirigersi in direzione di Abu Kamal – hanno spiegato gli 007 alla stampa -. Ciò dopo che diversi loro leader sono stati uccisi in alcuni raid aerei di Baghdad e della Coalizione Internazionale”. Inoltre, in base a quanto si apprende, molti hanno preferito sfidare le tempeste di sabbia che investono la zona pur di lasciare Qaim. Queste, infatti, prima si sono verificate in Siria al confine con l’Iraq, tra la base T2 e Abu Kamal. Poi, sono entrate nel paese vicino. Tanto che le manovre ad Anbar sono state interrotte temporaneamente.

Daesh a Qaim: Non fuggite o sarete considerati traditori e giustiziati

I vertici Isis a Qaim hanno cercato di reagire alle fughe di massa nel solito modo. Minacciando i defezionisti. In tutte le moschee della città irachena al confine con la Siria sono stati trasmessi alcuni messaggi attraverso gli altoparlanti. Questi esortano i miliziani Daesh a non scappare. Inoltre, avvisano che chiunque lo farà sarà considerato un traditore e che verrà perseguito come tale. Cioè con la pena di morte. Episodi simili, infatti, si sono verificati già durante la liberazione di Annah. Numerosi elementi dello Stato Islamico hanno abbandonato le postazioni per rifugiarsi a Qaim e Abu Kamal. Giunti nelle due località, però, i loro compagni li hanno arrestati e giustiziati per dare un avvertimento a tutti. L’unica alternativa reale, invece, è addentrarsi Middle Euphrates Valley (MERV). Qui c’è un grande gruppo Isil, composto da rinnegati e traditori, fuggiti dai campi di battaglia, che accoglie chi non può più tornare indietro.

Back To Top