skip to Main Content

Iraq, dopo Mosul l’offensiva anti-Isis si sposterà a Tal Afar

Iraq, Dopo Mosul L’offensiva Anti-Isis Si Sposterà A Tal Afar

La città sarà attaccata dall’esercito iracheno, le PMU opereranno al di fuori

In Iraq i militari si preparano ad attaccare Isis a Tal Afar. Le manovre partiranno appena Mosul sarà stata dichiarata libera. Il che, secondo alti ufficiali di Baghdad, dovrebbe avvenire entro il 27 maggio. A quella data, infatti comincerà il mese sacro del Ramadan. Secondo l’intelligence, nella città a ovest della ex roccaforte Daesh ci sono tra i 500 e i 700 miliziani. L’esercito lancerà l’offensiva contro il “paradiso” dei jihadisti. Le milizie paramilitari sciite al-Hashd al-Shaabi (PMU), invece, combatteranno lo Stato Islamico nel resto della provincia, fino al confine con la Siria. Le PMU, infatti, stanno già operando nell’area, allo scopo di conquistare Qairawan, Baaj ed Adnaniya. Ciò al fine di evitare che gli estremisti fuggano nel paese vicino o ricevano rinforzi dall’esterno.

Le PMU avanzano a Qairawan. Prossimo obiettivo, l’aeroporto di Sahl Sinjar

A questo proposito, le PMU hanno liberato da Isis 6 villaggi a nord e sud di Qairawan,  a ovest di Mosul. L’ultimo dei quali è stato Ain Fathi, all’interno del quale sono stati trovati diverse auto-bomba (VBIED) e trappole esplosive. Soprattutto nella moschea al-Hassan. I combattenti sciiti lo hanno raggiunto dopo aver tagliato i collegamenti stradali tra Tal Banat e Qairawan. Nelle manovre hanno anche cacciato Daesh da Akhmeisa. Prossimo obiettivo dell’offensiva è lanciare un attacco allo Stato Islamico presso l’aeroporto di Sahl Sinjar. I miliziani, inoltre, hanno perso Khams Telool e Khalaf al-Deirs, nel quadrante sud, e sono stati costretti a fuggire verso la Siria.

Isis a Mosul perde al-Refaie e in città può contare su non più di 750 miliziani

A Mosul, invece, le forze irachene avanzano verso gli ultimi quartieri ancora in mano a Isis. Lo stanno facendo dopo aver conquistato al-Refaie. Si punta su Farouq e Zanjili, per poi arrivare alla Città Vecchia e alla Grande Moschea (al Nuri). Daesh è ormai allo stremo, non avendo più capacità di contrattacco o di sussistenza. Inoltre, nella città rimangono pochi jihadisti con il morale a terra. Gli 007 ritengono, infatti, che lo Stato Islamico a Mosul possa contare su non più di 750 estremisti. I fondamentalisti sono concentrati negli ultimi 3 distretti, assediati dalle truppe di Baghdad, e senza più leadership. Per risparmiare risorse usano VBIED, droni e mini carri-bomba radiocomandati. Questi, però, vengono neutralizzati prima di raggiungere il bersaglio.

Back To Top