skip to Main Content

Iraq, completata la prima fase dell’offensiva anti-Isis a Mosul

Iraq, Completata La Prima Fase Dell’offensiva Anti-Isis A Mosul

L’obiettivo è raggiungere in breve il fiume Tigri per dare il via all’assalto finale. I miliziani Daesh sono chiusi in centro senza via di fuga.

In Iraq le forze di sicurezza stanno stringendo il cerchio su Isis nel centro di Mosul. Si è, infatti, conclusa la prima fase dell’offensiva anti-Daesh. Questa ha visto cacciare su tutte le direttrici i miliziani dello Stato Islamico da molti quartieri. A oggi ne sono stati liberati oltre 27 dall’inizio di ottobre, quando furono lanciate le manovre. Gli ultimi sono al-Adl e al-Ta’meem. Nell’occasione, i militari hanno confermato di aver inflitto pesanti perdite e danni ai guerriglieri del Califfato. Parallelamente alle azioni sul terreno, gli F-16 iracheni hanno condotto sei raid aerei. Il bilancio è stata la distruzione di 3 postazioni militari Isis e altrettante fabbriche di bombe nella città. Attacchi simili sono in corso in altre zone, come Tamim e Muthana (Est) dove si punta ad arrivare al più presto a Faisaliya e Jazeer. L’obiettivo finale è raggiungere il fiume Tigri per dare il via alla seconda fase dell’operazione.

Isis offre una resistenza media e bombarda con i mortai le aree perse

Isis, respinto a meno di 2 chilometri dal Tigri, sta offrendo una resistenza di media intensità. Inoltre, una volta persa una zona, il Daesh comincia a bombardarla con i mortai per rallentare l’offensiva. Continuano anche i tentativi, vani, di causare danni e perdite alle forze irachene con auto-bomba (VBIED). I mezzi, però, non avendo più protezioni, vengono neutralizzati prima di raggiungere il bersaglio. Lo Stato Islamico, infatti, non ha più risorse a Mosul e dispone di pochi uomini. La conferma viene dalla mancanza di corazze per i VBIED e dall’uso di combattenti sempre più giovani. Questi vengono lasciati a presidiare aree ormai perse, per permettere agli “anziani” di trovare rifugio. L’obiettivo è non sprecare risorse preziose per resistere in Iraq quanto più possibile.

La fase 2 dell’offensiva a Mosul

La seconda fase dell’offensiva anti-Isis a Mosul comincerà molto preso. Appena le forze miste saranno riuscite a raggiungere il Tigri e a consolidare le posizioni conquistate. Quello sarà il momento più delicato di tutte le manovre. La battaglia contro lo Stato Islamico, infatti, si sposterà nell’ultimo avamposto del Daesh nella città: il centro. Peraltro, i miliziani non potranno più ripiegare in altre zone, in quanto sono circondati completamente e isolati. Non si sa quanto l’assalto finale durerà. C’è chi parla di due settimane e chi di un paio di mesi. Ciò che è certo, però, è che la fine del Califfato in Iraq è solo questione di tempo.

 

Back To Top