skip to Main Content

Iraq, al via l’offensiva anti-Isis ad Anbar. Primo step, liberare Annah

Iraq, Al Via L’offensiva Anti-Isis Ad Anbar. Primo Step, Liberare Annah

L’operazione anti-Isis ottiene già i primi risultati: invasa Al-Rayhanna

E’ cominciata all’alba l’operazione dell’esercito iracheno per cacciare Isis da Anbar. E in particolare dalle 3 roccaforti di Annah, Rawa e Qaim. All’operazione partecipano le truppe  Al-Jazeera, sostenute dalle Forze di mobilitazione tribali. Lo ha reso noto l’ufficio stampa del primo ministro Haider al-Abadi in un comunicato. Le manovre anti-Daesh, come previsto, si dirigeranno prima nella prima città. Tanto che è stata già invasa Al-Rayhanna, a est. L’area, però, è stata totalmente evacuata dai jihadisti, che si sono rifugiati ad Annah. Questi hanno anche minato le strade che portano al centro abitato per rallentare l’offensiva nemica.  Inoltre, hanno bloccato tutti i tentativi di fuga della popolazione locale, obbligando i civili a restare nelle loro case. Soprattutto nel quadrante orientale.  E’ da qui, infatti, che con buona probabilità comincerà l’invasione dei militari di Baghdad. Poi si procederà verso Rawa e infine a Qaim.

Per le forze irachene è strategico conquistare la strada tra Rutba and Okashat, servirà per il transito delle unità e per evacuare i civili

Primo obiettivo dell’offensiva irachena ad Anbar sarà cacciare Isis dalla strada tra Rutba e Okashat e metterla in sicurezza con un grande presidio militare. L’infrastruttura, infatti, servirà non solo per far confluire in zona rinforzi e rifornimenti. Ma anche per evacuare in sicurezza i civili. Negli ultimi giorni, infatti, c’è stato un incremento di fughe di massa di abitanti locali dall’area. Si parla di oltre 700 persone al giorno, che cercano di raggiungere le forze di sicurezza di Baghdad. Daesh è corso ai ripari punendo i trasgressori nel modo più violento. Nei giorni scorsi lo Stato Islamico ha giustiziato 5 persone davanti alle loro famiglie, colpevoli di aver tentato la fuga da Qaim verso Rutba. I miliziani. infatti, hanno sigillato tutta l’area. La loro ultima arma sono gli scudi umani e non rinunceranno facilmente a perderli.

Back To Top