Iraq, Abadi: A Mosul è finito il falso stato di Isis

Iraq Isis Isil Daesh Mosul Abadi Grande Moschea AlNuri TalAfar Hawija Isf Baghdadi

Il presidente iracheno: Le nostre forze continueranno a dare la caccia ai miliziani isis fino a che l’ultimo di loro sarà ucciso o arrestato

A Mosul è finito il falso stato di Isis. Con queste parole il presidente iracheno, Haider al Abadi, ha dichiarato la sconfitta definitiva del Daesh. Le ha pronunciate nell’ambito di un discorso storico per il paese, dopo che le truppe hanno riconquistato con un’operazione-lampo la Grande Moschea al Nuri nella Città Vecchia. Il luogo era simbolo del Califfato ed era difeso dai miliziani anche dopo che lo avevano fatto esplodere per non farlo cadere in mani nemiche. “Il ritorno della Moschea al Nuri e del minareto al Hadha alla nazione segnano la fine dello Stato Islamico, ha sottolineato il capo dello stato. A proposito, Abadi ha anche confermato che le forze in campo continueranno a dare la caccia ai jihadisti, fino a che l’ultimo di essi non sarà stato arrestato o eliminato. Il riferimento è alle sacche di resistenza di estremisti ancora presenti all’interno di poche aree nella città.

Dopo Mosul le prossime operazioni saranno a Tal Afar e Hawija

Alle parole di Abadi si sono aggiunte quelle dei portavoce militari, i quali hanno ribadito che Isis è finito a Mosul e che il presidente ha dato istruzioni per porre fine alla battaglia. Peraltro, la data è estremamente indicativa. Il 29 giugno del 2014 Abu Bakr al-Baghdadi annunciò la nascita del Califfato in Iraq e Siria. Il 29 giugno del 2017, nella stessa città, il Daesh è stato ufficialmente annientato. Rimangono, invece, ancora temporaneamente nelle mani dello Stato Islamico 2 roccaforti minori: Tal Afar nella provincia di Nineveh e Hawija. Nel primo caso, però, sono già cominciate le operazioni per liberarla. Nel secondo, prenderanno il via quanto prima. Le manovre non dovrebbero durare a lungo. La prima aerea è da tempo circondata. Nella seconda si sono rifugiati i reietti di Isil. Presumibilmente, quindi, non sono previsti arrivi di rinforzi ai jihadisti, che potrebbero allungare i tempi delle manovre.