Iran, Trump mantiene la parola: riattivate le sanzioni Usa a Teheran

Iran Usa Statiuniti Israele Sanzioni Jcpoa Nucleare Donaldtrump Teheran Repubblicaislamica Economis Energia Scambi Mediooriente Aerei Flotta Boeing Airbus

Il presidente Usa, Donald Trump, ha mantenuto la parola. Terminato il periodo di carenza di 180 giorni sono state ripristinate le sanzioni all’Iran per il programma nucleare

Il presidente Usa, Donald Trump, è stato di parola nei confronti dell’Iran e da oggi riattiverà le sanzioni. Dopo l’uscita dal Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA) legato al programma nucleare di Teheran, avvenuta l’8 maggio, la sua amministrazione aveva attivato un periodi di “carenza” di 180 giorni per permettere la rimodulazione o la chiusura delle attività che coinvolgessero la Repubblica islamica. Questo si è concluso formalmente il 6 agosto e dal 7 avranno effetto le nuove misure restrittive stabilite da Washington nei confronti del paese mediorientale. La causa è il mancato rispetto da parte della nazione dell’obbligo di non sviluppare armi atomiche, denunciato congiuntamente da Stati Uniti e da Israele con un corposo dossier di prove.

Chi e cosa vanno a colpire le nuove misure statunitensi contro Teheran

Le nuove sanzioni Usa all’Iran sono su diversi piani e settori. Innanzitutto sarà colpito l’acquisto o l’acquisizione di note bancarie statunitensi da parte del governo della Repubblica islamica. Inoltre, subiranno imposizioni le vendite di Teheran di oro e altri metalli preziosi. Come anche quelle di grafite, alluminio, acciaio, carbone e software usati nei processi industriali. Subiranno sanzioni le attività legate al debito sovrano del paese e al settore automotive.

Il 5 novembre ci sarà una nuova tornata di sanzioni Usa all’Iran. Sarà la più dura per la Repubblica islamica

Una nuova tornata di sanzioni Usa verrà imposta all’Iran il 5 novembre. Questa con buona probabilità sarà la più dura per la Repubblica islamica. Saranno colpiti infatti, i settori dell’energia, spedizioni e costruzioni navali. Subiranno misure da parte degli Stati Uniti anche gli operatori portuali, le transazioni legate al petrolio e quelle delle istituzioni finanziarie con la Banca Centrale dell’Iran. Infine, verranno rimessi nelle liste centinaia di persone fisiche, giuridiche, navi e aerei di Teheran, che ne facevano parte prima di essere tolti in base al JCPOA.

La nota della Casa Bianca sulla ripresa delle sanzioni e sui prossimi passi americani