skip to Main Content

L’Iran spegne i GPS delle petroliere in risposta alle nuove sanzioni USA

L’Iran Spegne I GPS Delle Petroliere In Risposta Alle Nuove Sanzioni USA

Le petroliere iraniane hanno cominciato a spegnere i GPS in risposta alle nuove sanzioni USA. Si punta a nascondere tragitti e destinazioni verso clienti a cui è vietato importare petrolio da Teheran

Le navi iraniane che trasportano petrolio hanno cominciato a spegnere i loro dispositivi GPS. Lo rivelano alcune fonti d’intelligence. E’ la prima risposta di Teheran alle nuove sanzioni Usa per il programma nucleare, mai interrotto realmente come ha scoperto Israele. Con questa mossa la Repubblica Islamica cerca di far scomparire dai radar internazionali, soprattutto da quelli che si basano sul sistema di navigazione americano, la sua flotta di petroliere. Circa 30 navi in tutto. In particolare si punta a coprire il tragitto e le destinazioni. Quindi a rendere più difficoltoso il monitoraggio delle rotte e quali siano i “clienti” del paese mediorientale. Soprattutto se non fanno parte della lista delle otto nazioni (Italia, Cina, Giappone, India, Corea del Sud, Grecia, Taiwan e Turchia) che per 180 giorni sono sollevate dal divieto di importare petrolio dall’Iran.

Dopo l’uscita degli Stati Uniti dal JCPOA e le nuove sanzioni, Teheran ha denunciato la guerra economica e ha annunciato che i divieti verranno aggirati

Il presidente statunitense, Donald Trump, l’8 maggio aveva annunciato l’uscita degli USA dal Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA) con l’Iran e, infine, il 4 novembre ha reimposto le sanzioni. Queste colpiscono soprattutto il settore energetico e il sistema finanziario della Repubblica islamica. Teheran, tramite il presidente Hassan Rohani, ha denunciato la “guerra economica”, affermando di non pensare che “nella storia americana ci sia mai stato qualcuno alla Casa Bianca, che abbia violato a tal punto il diritto e le convenzioni internazionali. Aggireremo queste sanzioni illegali e ingiuste con fierezza”. A proposito ha sottolineato anche che l’Iran “può vendere e venderà il suo petrolio”. E lo spegnimento dei GPS è un segnale proprio in questa direzione.

Back To Top